Vai al contenuto principale.
Area Riservata   Utente: Password:
Chiavi di ricerca:

L'Associazione

I video di tutte le nostre conferenze al Planetario sono su Youtube:

https://www.youtube.com/channel/UCcK8wihMMDUKOzB1nevu9yA  

Le schermate delle conferenze sono disponibili tra le pubblicazioni su questo sito.

Stiamo lavorando per la primavera del prossimo anno! Onoreremo il cinquantesimo dello sbarco sulla Luna con eventi straordinari. Seguiteci!

Il presidente.

15-10-2018 - Marte. Ancora nessuna notizia da Oppy, ma si spera nelle pulizie di primavera.

Opportunity (per tutti Oppy, come il fisico statunitense della bomba atomica, Julius Robert Oppenheimer), ha “lavorato” per noi sulla superficie del pianeta rosso dal lontano 25 gennaio 2004. 15 anni! Un record operativo importante! Assolutamente oltre le aspettative di progetto.
Suo fratello gemello Spirit invece è già morto! Con onore, perché anche lui ha superato abbondantemente le sue aspettative di vita, ma l’ambiente in cui operano è tremendo. Ha avuto un incidente alle ruote e non si è più mosso. Per i due gemelli Opportunity e Spirit, muoversi è fondamentale. Devono essere certi di “andare a letto” con i pannelli solari rivolti dove al mattino sorgerà il sole, altrimenti niente sveglia! Oppy ha avuto un altro inconveniente: l’ultima tempesta “globale”, tipica di Marte, ha lasciato i suoi pannelli solari coperti dalla polvere, cioè energia elettrica al limite. Sarà sufficiente per riprendere le comunicazioni? Per ora no, ma si spera in un colpo di vento che soffi via la polvere. Curiosity, l’ultimo rover della NASA, arrivato su Marte il 6 agosto dal 2012, dal punto di vista energetico ha le spalle più robuste: è immune (quasi) alle tempeste di sabbia perché i suoi generatori sono al plutonio. Un vantaggio che è stato assegnato anche a quello che partirà nel 2020, che gli garantirà lunga vita. Almeno 20 anni (salvo incidenti di altro genere). Ma su questo punto si potrebbe obbiettare, perché il plutonio ha lunga vita ma non è rinnovabile, il pannello solare invece converte l’energia del sole, quindi è rinnovabile! Infatti, se non fosse per acciacchi di altro tipo, dal punto di vista energetico Oppy potrebbe andare avanti ancora per un bel po’ di tempo, fino ad esaurimento dei pannelli solari. Speriamo si riprenda!
Vi propongo questo articolo di Coelum Astronomia.
http://www.coelum.com/news/marte-ancora-nessuna-notizia-da-oppy
Ma a breve inizierà la “stagione delle pulizie”, e gli ingegneri non hanno ancora perso tutte le speranze. Le speranze saranno sufficienti per chi dovrà decidere se continuare i tentativi o decretare la fine della missione?
Una foto panoramica del cratere Endeavour dove si trova Opportunity, ricostruita dalle immagini raccolte dalla sua camera PanCam, riprese tra il 7 e il 19 giugno 2017. Crediti: NASA/JPL-Caltech/Cornell/Arizona State Univ.
A un mese dall’inizio delle operazioni per tentare di recuperare la comunicazione con il rover Opportunity della NASA, gli ingegneri ancora non hanno ottenuto alcuna risposta.
Dal JPL si sta tentando una combinazione di ascolto di eventuali segnali dal rover e di invio di comandi nel caso Oppy fosse ancora operativo e si risvegli. Anche se la tempesta di polvere si è ormai dispersa, è possibile che uno strato di quella polvere si sia depositato sui pannelli solari del rover e stia bloccando i raggi solari necessari per ricaricare le sue batterie. Purtroppo non c’è modo di sapere se e quanta polvere possa essersi depositata e se sia quindi questo l’unico ostacolo al risveglio del rover.
Però su Marte un periodo particolarmente ventoso, noto al team di Opportunity come “stagione della pulizia delle polveri”, avviene tra i mesi di novembre e gennaio, e come si può intuire dal nome che le è stato dato, questa potrebbe aiutare a ripulire i pannelli del rover come già successo in passato. Nel 2014 infatti, proprio grazie ad un colpo di vento particolarmente intenso rispetto al solito, l’energia del rover ha avuto un’impennata, grazie proprio alla polvere spazzata via dal vento.

A sinistra un paio di selfie fatti da Opportunity nel gennaio e nel marzo del 2014. Nel primo caso, a sinistra, nella foto di gennaio si vedono ricoperti di polvere marziana, fatto che ha giustificato un calo nella produzione di energia molto maggiore di quello che ci si poteva aspettare dalla stagione invernale in cui si trovava, e quindi con il Sole basso sull'orizzonte. Sulla destra invece un selfie effettuato dopo un picco improvviso di energia che, dai 375 wattora dei pannelli ricoperti di sabbia è passato a quasi il doppio a 620 wattora. Fu evidente come delle raffiche di vento particolarmente intense avevano ripulito i pannelli dalla sabbia depositata sopra, molto più di quanto fosse mai successo negli anni precedenti, un'eventualità che speriamo succeda anche nella prossima primavera marziana.
Crediti: NASA/JPL-Caltech/Cornell Univ./Arizona State Univ.
Il team missione spera quindi in un possibile nuovo colpo di vento che permetta al rover di caricare a sufficienza le batterie da risvegliarsi e riprendere le comunicazioni, anche se non è detto che siano stanziati i fondi per continuare i tentativi o se invece non si decida per decretare la fine della missione. A giorni infatti l’agenzia di Pasadena relazionerà alla NASA sui progressi e le prospettive di recupero della missione, e sapremo qualcosa di più sul destino dell’anziano rover.
Opportuny ha infatti più volte superato di gran lunga qualsiasi aspettativa di vita che gli scienziati abbiano mai avuto per lui. Proprio a causa dei rigidi inverni e delle tempeste di polvere non ci si aspettava che né lui né il gemello Spirit superassero i 90 giorni di missione sulla superficie marziana, e invece per Oppy siamo ormai a quasi quindici anni…
L’ultima comunicazione del rover risale al 10 giugno prima che venisse forzato all’ibernazione a causa della tempesta che stava invadendo il pianeta.
Commentato da Luigi Borghi.