Vai al contenuto principale.
Area Riservata   Utente: Password:
Chiavi di ricerca:

L'Associazione

News:“Spaziale un tot” 

E' operativo anche il nuovo sito http://spazialeuntot.ideelab.it/ del gruppo di associazioni “Spaziale un tot” formatosi per celebrare il 50° anniversario dello sbarco sulla Luna. Potrete trovare tutte le informazioni ed il calendario della attività programmate da tutte le associazioni coinvolte tra cui la nostra. Sul nostro sito, nella pagina “Eventi”, troverete invece solo quelle in cui siamo direttamente coinvolti.

I video di tutte le nostre conferenze al Planetario sono su Youtube:

https://www.youtube.com/channel/UCcK8wihMMDUKOzB1nevu9yA  

COMUNICAZIONE DI SERVIZIO:

Cari follower, amici e frequentatori, dopo 10 anni di onorata attività, per evitare quei problemi che ogni tanto vi affliggono, abbiamo bisogno di revisionare il nostro sito che ha raggiunto un notevole archivio di pubblicazioni e di eventi ed una sempre maggiore flusso di accessi. Sappiamo che, con sempre maggiore frequenza, appare un “errore” nel tentativo di entrare nelle “pubblicazioni” o negli “eventi”.
Faremo l’intervento attraverso due step quasi “indolore” per tutti quanti voi.
Il primo step avverrà già all’inizio della prossima settimana, 18-19 marzo, e consiste nella migrazione di tutti i contenuti su un computer ospite adeguato alle attuali richieste di accesso.
Ciò impedirà un regolare funzionamento per un paio di giorni, ed è per questo che mi scuso con voi in anticipo, ma che poi dovrebbe scomparire completamente il problema (il condizionale è d’obbligo).
Il secondo step avverrà probabilmente (ma non lo abbiamo ancora pianificato) entro fine anno o ad inizio anno prossimo e prevede un restyling che permetterà un miglior adeguamento dell’utenze su tutte le piattaforme ora sul mercato: Windows, Android, iPad, iPhone ed Apple. Inseriremo nuove utility e toglieremo altri problemi più o meno noti.
Insomma “lavori in corso” su sito, ma vi terrò aggiornati ed in ogni caso il nostro canale Youtube https://www.youtube.com/channel/UCcK8wihMMDUKOzB1nevu9yA?view_as=subscriber  ed il nostro profilo Facebook https://www.facebook.com/Associazione-Culturale-il-COSMo-149432428443917/ , resteranno superattivi!
Abbiate pazienza.

PS: E' stata pubblicata la XXI Edizione della Cronologia. La trovate qua (come sempre free download):   http://www.lulu.com/content/e-book/cronologia-natale-2018/12234598

Davide Borghi

16-3-2019 - Gateway Lunare, vince la collaborazione Internazionale! Andiamo sulla Luna, insieme!

Il “ritorno sulla Luna”, o da quelle parti, è un argomento che mi sta molto a cuore. La prima volta, cinquant’anni fa, quell’evento che ha avuto come primo protagonista Neil Armstrong, mi ha condizionato parecchio. Vederlo tentennare prima di appoggiare il piede su suolo lunare, in un video che oggi sarebbe improponibile, ha lasciato in “apnea” qualche miliardo di persone contemporaneamente. Un centinaio di migliaia di persone e centinaia di aziende americane collaborarono per quel risultato che fu il momento clou del progetto Apollo. Furono spesi centinaia di miliardi di dollari e fu un evento che ebbe una eco mondiale. Per questo noi del COSMo, insieme al gruppo #Spazialeuntot, abbiamo pensato di commemorare il  cinquantesimo con una sessantina di eventi.
Credo che un “ritorno” forse non occuperà la prima pagina di tutti i quotidiani come allora, anche perché ora, con lo strapotere di internet, anche il modo di comunicare le notizie è cambiato.
Quindi mi scuso se ogni tanto riprendo questo argomento ma lo faccio solo a fonte di novità. Qualche settimana fa ne avevo parlato dicendo che il Canada si era aggregato al progetto Gateway della NASA per una stazione orbitante attorno al nostro satellite da rendere esecutiva dopo la dismissione della ISS tra cinque o sei anni. Ora la novità è che il gruppo di partner si sta allargando, come è giusto che sia. Lo apprendiamo dal Multilateral Coordination Board, il comitato che sovrintende alla gestione della ISS.
Qui sopra trovate il programma attuale della NASA, Fonte: https://www.nasa.gov/sites/default/files/atoms/files/20180327-crusan-nac-heoc-v8.pdf
Eccovi l’articolo estratto da http://newsspazio.blogspot.com/
Gateway Lunare, vince la collaborazione Internazionale! Andiamo sulla Luna, insieme!
(Credit NASA/ESA)
I partner Internazionali del programma Stazione Spaziale Internazionale hanno approvato un piano per continuare lo sviluppo della stazione spaziale Lunare, l'ormai famoso Lunar Orbital Platform Gateway, l'avamposto in orbita intorno alla Luna che servirà da base per supportare l'esplorazione del robotica ed umana della superficie Lunare.
Ogni passo avanti in questa direzione compiuto da uno sforzo collettivo di collaborazione Internazionale non può che essere una bella notizia.
Sembra proprio che il "precedente" della Stazione Spaziale Internazionale, il modello di cooperazione che ha portato 15 nazioni a lavorare insieme possa davvero essere replicato.
E come ho scritto molte volte in questo blog tutto questo è l'unica cosa possibile se vogliamo esplorare il cosmo.
Il Multilateral Coordination Board, il comitato che sovrintende alla gestione della ISS, ha sottolineato la sua comune speranza che il Gateway possa portare ad un piano economico sostenibile per arrivare sulla Luna e da lì continuare oltre (leggi Marte ed asteroidi, e non solo!)
L'annuncio arriva dopo vari anni di studio approfondito tra le varie agenzie spaziali che hanno sviluppato un progetto tecnicamente realizzabile.
La partnership comprende i paesi dell'Europa, rappresentati dall'ESA, gli Stati Uniti con la NASA, la Russia con Roscosmos, il Canada (CSA) ed il Giappone (JAXA).
David Parker (Direttore ESA per l'esplorazione umana e robotica): "Ci stiamo preparando, insieme, a mandare esseri umani il più lontano di sempre nel sistema solare. Il Gateway Lunare è il prossimo grande passo dell'esplorazione umana e stiamo lavorando affinché l'Europa sia parte di tutto questo".

La capsula NASA Orion trasporterà gli astronauti al Gateway. Il modulo di servizio di Orion - i lettori del blog lo sanno già! - è lo European Service Module, che darà alla capsula la spinta finale per immetterla in orbita translunare.
Quest'anno è il 50° anniversario dello sbarco del 1° uomo sulla Luna. Cinquanta anni dopo, il Gateway promette di dare accesso alla superficie Lunare. Parker: "Estenderemo la presenza umana mille volte più lontano rispetto alla ISS".
Il Gateway offrirà una piattaforma per nuove scoperte scientifiche nello spazio profondo e contribuirà ad accumulare esperienze inestimabili per le sfide che affronteremo per la futura conquista di Marte.
A circa 400.000 km di distanza dalla Terra, la sua orbita darà un'eccellente visibilità sia della Terra che della superficie Lunare e potrà, tra le altre cose, fare da ponte di collegamento per le comunicazioni.
Secondo il comitato, il Gateway "stimolerà lo sviluppo di tecnologie avanzate, espanderà l'emergente economia spaziale e continuerà a sfruttare i vantaggi sociali  dell'esplorazione spaziale per i cittadini della Terra".
Nel frattempo il Canada ha già confermato il suo impegno per unirsi alla NASA per il programma Gateway e contribuire al progetto con la sua specialità, la robotica.
Il potenziale contributo dell'ESA include il modulo ESPRIT per fornire comunicazioni e rifornimento di propellente al Gateway ed una camera stagna per immettere in orbita payload scientifici ed i piccoli satelliti CubeSat.
Inoltre, l'Agenzia Spaziale Europea sta anche studiando con gli altri partner un possibile coinvolgimento per il modulo abitativo internazionale.
Un impegno per definire il contributo Europeo al programma Gateway sarà una decisione chiave che dovrà essere presa dai Ministri Europei alla conferenza Space19+ il prossimo Novembre.
Il Gateway Lunare non sarebbe possibile senza la Stazione Spaziale Internazionale. Dopo più di 20 anni di operatività in orbita ed una solida partnership sulla Terra, la ISS rappresenta il più grande programma di cooperazione mondiale in scienza e tecnologia.
Sono più di 100 le nazioni che l'hanno utilizzata per ricerca ed istruzione ed i partner Internazionali hanno chiaramente sottolineato che la ISS alimenta una crescente economia di business e servizi in orbita Terrestre. Con benefici per l'economia mondiale. E questo, come vediamo, è davvero solamente  l'inizio. Sta alla maturità di tutti noi, dai singoli alle intere nazioni, continuare ad alimentare questo spirito di cooperazione.
Commentato da Luigi Borghi.