Tutti gli articoli di Ciro Sacchetti

Il 60° anniversario del volo di Belka e Strelka

Eroine senza un volto!

Si perché le due protagoniste di questa storia non hanno un volto bensì un simpatico muso, si tratta infatti di due cagnette Sovietiche di nome Belka e Strelka, saranno i primi esseri viventi a compiere una serie di orbite a bordo di una navicella Russa e a rientrare sulla Terra sane e salve.

Il primato del primo essere vivente nello spazio era dalla piccola Layka anche lei Sovietica (vero nome Kudrjavka, durante la traduzione nelle lingue occidentali ad opera della TASS, venne cancellato a favore del nome della razza di appartenenza, Layka-meticcia più pronunciabile nelle lingue d’oltre cortina di ferro), ma la piccola Layka non farà mai ritorno viva sulla Terra. Le due cagnette nonostante fossero anch’esse in lizza per quel primo storico e tragico volo, voleranno per loro fortuna nella missione successiva che risulterà un vero successo proiettando l’URSS verso la conquista dello spazio da parte del primo essere umano Yuri Gagarin.

 Per il sottoscritto comunque queste piccole cagnoline sono delle vere e proprie eroine, scelte nei canili comunali di razza meticcia nonché di sesso femminile in quanto più robuste rispetto a cani di razze selezionate e di sesso maschile, queste cagnette simpatizzarono subito con i tecnici e ingegneri del programma spaziale Sovietico quindi sopportarono tutti i test a cui vennero sottoposte con la fiducia instaurata verso gli umani che le accudivano fino al lancio e al volo nello spazio compiendo un altro passo in avanti nella conquista del cosmo.

Commentato da: Ciro Sacchetti.

19 AGO 2020

Il testo di credito:Vito Technology

Immagine di credito:“Belka, Strelka, and others” (2009)

Fonte: Star-Walk

Link: https://starwalk.space/it/news/60th-anniversary-of-belka-and-strelka-flight                            Puoi anche dare un’occhiata al nostro video con alcuni rari filmati di cani spaziali. Per guardare il video                                                                                                                                                                      Link Youtube: https://www.youtube.com/watch?v=OCBWIi2vQ4k&feature=youtu.be

Il 20 agosto di 60 anni fa, i cani Belka e Strelka diventarono i primi esseri viventi a effettuare un volo orbitale e tornare a casa sani e salvi. Con questo articolo desideriamo commemorare questi animali eccezionali e raccontare i particolari più interessanti del loro viaggio nello spazio.

La storia dietro il volo

Verso la fine degli anni ’50, l’Unione Sovietica era pronta a inviare il primo essere umano nello spazio. Ciononostante, gli scienziati sovietici necessitavano di maggiori sicurezze sul fatto che un essere vivente potesse sopravvivere a un volo di questo tipo. Per questa ragione, si decise che il primo ad andare nello spazio sarebbe stato il miglior amico dell’uomo, il cane, il quale avrebbe spianato la strada all’esplorazione spaziale da parte del genere umano.

Nel 1957, sotto la direzione del capo progettista dei veicoli spaziali dell’Unione Sovietica, Sergei Korolev, gli scienziati individuarono 12 cani randagi idonei alla missione e iniziarono ad allenarli per i voli futuri. Le intense sessioni d’allenamento, che richiesero diversi mesi di tempo, includevano l’insegnare ai cani come vivere in spazi ristretti, come resistere all’accelerazione estrema e come abituarsi a consumare gelatine simili a cibo dispensate da un distributore automatico. Nel corso dell’intera procedura, gli specialisti dell’allenamento strinsero legami molto stretti con i cani, al punto da conoscerli alla perfezione.

Tra tutti i cani sottoposti all’allenamento, i migliori risultarono essere Belka (“Whitey”) e Strelka (“Little Arrow”), due cagnette di due anni e mezzo. Esse furono selezionate per eseguire un giorno di volo intorno alla Terra sul veicolo spaziale Sputnik-5

Canidi cosmonauti

Il 19 agosto del 1960, lo Sputnik-5 partì dal cosmodromo di Bajkonur, con i due cani a bordo. Durante il lancio, la respirazione e le pulsazioni dei cani aumentarono, ma quando il veicolo spaziale raggiunse l’orbita terrestre, Belka e Strelka a poco a poco si calmarono. Le condizioni delle cagnette furono monitorate e analizzate molto attentamente, grazie all’impiego di apparecchiature speciali progettate per misurare la pressione, le pulsazioni, l’attività cerebrale e tanti altri parametri. Tutto ciò fu pianificato al fine di proteggere i cani e comprendere quanto avrebbe inciso lo stress di un volo spaziale sugli esseri umani. Inoltre, la navetta spaziale fu dotata di una telecamera, progettata per inviare le immagini dei cani alla Terra.

Per inciso, Belka e Strelka non erano sole nella loro navetta: lo Sputnik-5 trasportava anche topi, insetti, piante, semi, miceti e colture di microbi.

Nel complesso, il viaggio andò abbastanza bene. Dopo la tensione del lancio, le cagnette rimasero tranquille per la maggior parte del tempo e apprezzarono molto il cibo. Inoltre, l’esposizione all’assenza di gravità non arrecò loro particolari fastidi, così come risultò dal sistema di monitoraggio. Fu rilevato un solo momento poco piacevole (dopo che la navetta aveva orbitato intorno alla Terra per la quarta volta), ovvero quando Belka, per ragioni sconosciute, non si sentì bene, si agitò e iniziò ad abbaiare. In ragione di questo avvenimento, gli scienziati decisero di limitare il viaggio del primo uomo sulla luna, Yuri Gagarin, a una sola orbita intorno alla Terra.

Dopo il volo Il 20 agosto 1960, lo Sputnik-5 atterrò con successo dopo aver completato 17 orbite intorno alla Terra. Belka e Strelka trascorsero oltre 25 ore nello spazio, coprendo una distanza di 700.000 chilometri. Dopo l’atterraggio, le cagnette apparirono abbastanza in forma; dai test medici non emersero anomalie. Così, Belka e Strelka diventarono le prime creature viventi a sopravvivere a un volo orbitale

Oleg Gazenko sostiene Belka (a destra e Strelka (a sinistra) durante la prima conferenza stampa presso l’istituto Rosso per problemi biomedici.

L’astronave SN5 conduce con successo il test di volo di 150 metri

Space X ha letteralmente preso il volo…….

A pochi giorni dal rientro dalla I.S.S.  della navicella Crew Dragon 2 dopo essere stata attraccata alla stazione spaziale per due mesi circa, Space X continua a stupire e a macinare risultati nell’ottica di riportare l’uomo a calpestare il suolo di un altro pianeta.

Si perché Elon Musk e il suo Team hanno di fatto riportato due Americani Doug Hurley e Bob Behnken, in un veicolo Americano, lanciato dal un lanciatore americano nello spazio dopo nove anni di digiuno e tante promesse disattese  dell’Agenzia Spaziale Statunitense. Ma le cose non si fermano e in Space X non si dorme sugli allori,poco prima che la commissione della USAF potesse deliberare che proprio Space X e U.L.A. avranno la commessa per la messa in orbita dei suoi satelliti (un affare da diversi miliardi di dollari), si effettuano test su una sezione (che ricorda tanto un silos) dello Starship utilizzando per la struttura acciaio e come propellente per il motore Raptor il metano!!!

Inutile dire che quest’agenzia ma soprattutto quest’uomo stanno rivoluzionando il modo di vedere questa nuova fase dell’esplorazione spaziale con soluzioni impensabili ma vincenti.

Buona lettura

Commentato da: Ciro Sacchetti

L’astronave SN5 conduce con successo il test di volo di 150 metri

scritto da Michael Baylor- il 3 agosto 2020
Fonte: NASA

Il prototipo dell’astronave SN5 ha condotto con successo un volo di prova di 150 metri martedì dal sito di test di SpaceX a Boca Chica in Texas. Il tentativo di lancio di lunedì è stato cancellato dopo che il motore Raptor SN27 si è bloccato all’accensione. Dopo un aborto all’inizio della finestra di martedì, il tentativo in ritardo nella finestra ha visto SN5 prendere il volo e atterrare tutto intero. Il salto è stato il primo volo di una sezione di Starship a grandezza naturale che per forma ricorda quella di un Silo, aprendo la strada a SpaceX per tentare voli ad altitudini più elevate con prototipi di Starship.

La finestra di lancio per l’Hop di lunedì è durata dalle 8:00 alle 20:00 Central (13:00 – 01:00 UTC). Tuttavia, i piani di Space X miravano al decollo durante l’ultima parte della finestra.

I programmi dei test sono estremamente fluidi, con lo stesso Elon Musk che scandisce il conto alla rovescia a circa 30 minuti dalla fine. Questo è stato seguito dalla sirena della polizia T-10 minuti prima del conto alla rovescia per l’accensione. Tuttavia, il Lift-off è stato interrotto, probabilmente a T-0, a causa di un problema con il Raptor.

La finestra di martedì si è aperta alle 8 del mattino ora locale. Il primo tentativo è stato interrotto con pochi minuti rimanenti prima che gli sforzi di riciclaggio del propellente iniziassero per tentare un tentativo nel corso della giornata.

Quel secondo tentativo della giornata si è rivelato quello in cui SN5 ha preso il volo

Come al solito, il primo segnale che le squadre stavano lavorando per un tentativo di salto è stato quando la strada per il sito di lancio è stata chiusa al pubblico. Ciò si verifica sempre con largo anticipo rispetto al volo di prova.

Il pad viene quindi ripulito da tutto il personale di SpaceX almeno un’ora o due prima del lancio. Infine, una sirena suona dieci minuti prima del decollo. La sirena avverte i residenti del vicino villaggio di Boca Chica che le attività di volo spaziale sono imminenti

I fan sono rimasti aggiornati sullo stato del volo, con aggiornamenti pubblicati sull’account Twitter @NASASpaceflight . Il canale YouTube NASASpaceflight ha anche trasmesso il volo di prova in diretta da Boca Chica, in Texas

Per il tentativo riuscito, SpaceX ha spinto il conto alla rovescia, con la sirena della polizia che suona ancora una volta. Quindi, al T-0, Raptor SN27 si è acceso e, come previsto, l’astronave stellare è stata sollevata dal pad con una rotazione a causa del posizionamento del motore decentrato

Salendo in aria, Starship quindi, sotto il controllo dei suoi propulsori Reaction Control System (RCS), ruotò leggermente e iniziò la sua discesa verso la piattaforma di atterraggio.

Quando il fumo si è diradato, si è visto che SN5 era ancora in piedi, consentendo agli “SpaceXer” che stavano guardando il test di scoppiare in applausi.

SpaceX non aveva effettuato un volo dalla loro struttura di Boca Chica da quando Starhopper – un veicolo di prova di Starship su scala ridotta – è letteralmente saltato a 150 metri nell’agosto 2019 .

L’astronave SN5 presenta una sezione di spinta con serbatoi di ossigeno liquido e metano impilati sulla parte superiore. Un cono di prua e superfici aerodinamiche sono gli unici componenti significativi mancanti tra SN5 e un veicolo Starship a grandezza naturale.

Sebbene SpaceX non abbia rilasciato l’altezza ufficiale di SN5, si stima che sia comparabile ad un campo da baseball di 30 metri circa.

Per eseguire il salto di 150 metri, SN5 ha utilizzato Raptor SN27 . Mentre la sezione di spinta di SN5 è stata costruita per supportare fino a tre motori Raptor in una configurazione a triangolo, per il primo volo è stato installato solo un motore alimentato a metano. Ciò significa che la spinta durante il salto era asimmetrica. La spinta asimmetrica ha fatto sì che l’astronave SN5 scivolasse via mentre lasciava il pad.

I propulsori di controllo dell’atteggiamento hanno anche aiutato a controllare il veicolo nel corso del salto.

I carichi di propellente erano bassi per il volo, riducendo il rischio per le infrastrutture circostanti in caso di anomalia.

Inoltre è stato aggiunto un simulatore di massa sulla parte superiore del veicolo. È probabile che la sua presenza compensi la mancanza di massa propellente. Il simulatore di massa è stato creato saldando insieme due rotoli di acciaio inossidabile. I rulli sono dello stesso tipo utilizzato per costruire i prototipi di Starship.

Il profilo del salto di 150 metri della Starship SN5 era molto simile a quello di Starhopper. L’SN5 è decollato dalla sua postazione di lancio e si è fatto strada fino a 150 metri. Il veicolo iniziò quindi a traslare su una vicina piattaforma di atterraggio.

Sei gambe di atterraggio, situate all’interno della sezione di spinta di SN5 e ripiegate durante il lancio, schierate prima dell’atterraggio.

Il processo di sviluppo di SpaceX si basa fortemente su una rapida iterazione, che avrebbe consentito un fallimento del test. L’azienda preferisce eseguire test come il salto di SN5 il prima possibile. I test forniscono dati preziosi per informare i progetti futuri.

Se il salto di SN5 non fosse andato secondo i piani, l’astronave SN6 era già in attesa e avrebbe potuto potenzialmente essere pronta come sostituto di SN5 in breve tempo.

Alla fine, il salto di 150 metri è andato secondo i piani per SN5, come è successo con Starhopper. Le battute d’arresto con i precedenti prototipi di Starship avevano ritardato il salto di 150 metri di diversi mesi.

Le astronavi Mk1, SN1 e SN3 non hanno superato tutti i test di prova criogenici, in cui i serbatoi sono pressurizzati con azoto liquido per garantire l’integrità strutturale. I test di SN2 hanno avuto successo, ma si trattava di un prototipo su scala ridotta non destinato al volo.

SN4 è diventato il primo veicolo su vasta scala a superare un test di prova criogenico ed eseguire accensioni statiche. Tuttavia, la sua quinta accensione statica ha provocato un’esplosione poco dopo l’arresto del motore.

L’anomalia di SN4 è stata causata da un problema con i condotti ombelicali a disconnessione rapida. Come parte del test, le disconnessioni rapide – che collegano le linee del propellente al veicolo – sono state staccate come farebbero per un normale decollo. Tuttavia, le valvole non si sono chiuse, perdendo grandi quantità di propellente. Il propellente è stato infine acceso, provocando un’esplosione.

Durante il singolo test antincendio statico di SN5, il sistema di disconnessione rapida è stato nuovamente testato . Questa volta il sistema ha funzionato come previsto

Con il tentativo di volo di SN5 riuscito, SpaceX procederà probabilmente a voli di prova ad altitudini più elevate. Sebbene i dettagli esatti delle prossime pietre miliari dei test non siano stati confermati, ci si aspetta che presentino un design di Starship più completo.

L’astronave SN8, il prototipo attualmente in costruzione, dovrebbe presentare tre motori Raptor, un cono di prua e superfici aerodinamiche. Queste caratteristiche consentirebbero al veicolo di eseguire test di volo ad altitudini molto più elevate. Tuttavia, i piani rispetto ai test di Starship non hanno scadenze precise, quindi fino a quando SpaceX non avrà avuto la possibilità di rivedere i dati dal salto di Starship SN5, le attività di test future rimangono molto in evoluzione.

Link all’articolo:

Link Youtube:

Gli Emirati alla conquista del pianeta rosso

Speranza!

E’ con questo nome, “Hope”, che gli Emirati Arabi iniziano la loro avventura nell’esplorazione del Cosmo.
La sonda Hope, rappresenta il biglietto d’imbarco staccato dai ricchissimi Emirati per intraprendere un lungo viaggio che li porterà ad esplorare il misterioso pianeta rosso; Marte.

La loro nuova avventura dopo il loro primo Astronauta Haza Al Maansouri sulla I.S.S. è la sonda Hope che il 15 luglio dovrebbe decollare dal centro Spaziale Tanegashima in Giappone, è destinata a raggiungere Marte e ad indagare sui cambiamenti climatici del pianeta indizio fondamentale per capire come Marte è mutato nei millenni.

Quando un altro paese si affaccia sul difficile mondo dell’esplorazione spaziale suscita un certo piacere perche credo che il futuro dell’Umanità risieda nella capacità di esplorare e successivamente raggiungere e colonizzare altri pianeti, non sarà un sentiero facile o breve, ma sono sicuro che ci riusciremo…..

Buona lettura

Commento di Ciro Sacchetti


Gli Emirati alla conquista del pianeta rosso

Di euronews  •  ultimo aggiornamento: 10/03/2020

Sono stati anni davvero impegnativi per il programma spaziale degli Emirati Arabi Uniti. Hanno sviluppato e lanciato una serie di satelliti e l’anno scorso hanno inviato il primo astronauta degli Emirati, Hazza Al Maansouri, alla Stazione Spaziale Internazionale.

Ora gli Emirati hanno lo sguardo fisso su Marte. E il culmine di tutti i loro sforzi è la sonda Hope, destinata a orbitare attorno al pianeta rosso.

“Ciò che la missione Emirates Mars fornirà – spiega Sarah Al Amiri, ministro per le scienze avanzate degli Emirati – sono i dati effettivi per un intero anno da ovunque su Marte. Perché è importante? Il cambiamento climatico è uno dei motivi: comprendere meglio le dinamiche meteorologiche e i cambiamenti atmosferici su Marte ci darà un elemento per sapere ciò è successo sul pianeta rosso. Perché è entrato nello stato in cui è oggi; ciò ci consentirà di comprendere meglio i cambiamenti climatici sulla terra e ciò che di solito accade naturalmente quando si tratta di cambiamenti climatici. Inviare uomini su Marte ci fornirà una migliore comprensione di ciò che si dovrà affrontare. È qualcosa di diverso da qualsiasi impresa abbiamo mai sognato o pensato di poter sognare o tentare”.

“Emirates Mars Mission è qualcosa di diverso da qualsiasi impresa abbiamo mai sognato o pensato di poter sognare o tentare”

Sarah Al Amiri 
Ministra per le scienze avanzate degli Emirati Arabi Uniti

Raggiungere Marte significherà grandi cambiamenti per gli Emirati Arabi Uniti.

Omran Sharaf, responsabile del progetto Emirates Mars spiega che gli Emirati cercano un cambiamento nell’ecosistema quando si tratta di costruire un’economia basata sulla conoscenza creativa, competitiva e innovativa. E si guarda allo spazio come a un mezzo per farlo. “Si tratta di affrontare le nostre sfide nazionali legate alle risorse idriche, alimentari ed energetiche. E si tratta di generare conoscenza che servirà a tutta l’umanità”, aggiunge Sharaf.

Spettrometri e supersensori per studiare Marte e orientare la sonda

Gli strumenti scientifici che raccoglieranno tutti questi nuovi dati da Marte includono:

  • Uno spettrometro a infrarossi per studiare i sistemi di nuvole dell’atmosfera inferiore, i cicli di diossido di carbonio e le temperature.
  • Un sensore per immagini ad alta risoluzione e per comprendere meglio i raggi ultra violetti nell’atmosfera inferiore.
  • Uno spettrometro a ultravioletti che esamina la velocità con cui l’idrogeno e l’ossigeno lasciano l’atmosfera superiore di Marte.

Nel maggio di quest’anno la sonda arriverà al centro spaziale di Tanegashima in Giappone, e l’arrivo nell’orbita marziana è previsto nel 2021. La data di partenza è stata scelta perché in quel momento la Terra e Marte si troveranno alla minima distanza tra loro. Questa situazione si ripete all’incirca ogni due anni, pertanto se la finestra di lancio del 2020 dovesse essere persa, il lancio sarà posticipato al 2022.

La sonda Hope

La sonda Hope consta di tre antenne a basso guadagno e un’antenna a elevato guadagno. Questa è usata principalmente quando si è lontani dalla terra. L’antenna ad alto guadagno ha un diametro di 1,85 metri. Generalmente si inviano dati sulla terra a circa 200 kbps (circa quattro volte più velocemente di un modem dial-up della vecchia scuola).

Ci sono quattro pannelli solari che forniscono la principale fonte di energia per il veicolo spaziale una batteria secondaria nel caso in cui non ci sia il sole. In fondo, sensori stellari per dire al veicolo spaziale dove si trova.

E siccome ci vogliono tra 12 minuti a quasi mezz’ora per parlare con l’astronave alla base si saprà solo dopo 20 lunghissimi minuti, se la sonda è atterrata bene.

Mohsen Alawadhi, ingegnere, spiega che a un certo punto “L’astronave distoglierà lo sguardo da Marte e punterà i propulsori verso Marte, poi rallenterà. Se andremo troppo veloci o troppo lenti, falliremo. Se non atterreremo dove vogliamo, probabilmente ci schianteremo su Marte. Quindi è una missione davvero critica”. “L’atterraggio” su Marte, brucia circa metà del carburante.

  • La struttura della sonda è per lo più a nido d’ape in alluminio con fogli di carbone
  • Cablaggio: ci sono circa 4.200 singoli cavi sul veicolo spaziale
  • La sonda Hope avrà forma esagonale. La massa totale sarà di circa 1 500 kg, incluso il propellente, e misurerà 2,37 metri per 2,90 metri

Ecco il Link all’articolo:
Gli Emirati alla conquista del pianeta rosso


Controlli finali in corso prima del lancio della Sonda Hope il 15 luglio

Da: Emirates News Agency
Venerdì 03-07-2020 18:10 PM

TANEGASHIMA, 3 luglio 2020 (WAM) – I controlli finali e i test sulla Missione Hope Mars degli Emirati sono attualmente in corso, mentre si prepara per il suo lancio verso l’orbita del Pianeta Rosso.

È previsto il lancio mercoledì il 15 luglio 2020 alle 00:51:27 (ore degli Emirati Arabi Uniti) dal Centro Spaziale Tanegashima, TNSC, in Giappone. I controlli finali sono guidati da una squadra impressionante di giovani Emiratini.

Il team EMM comprende Ahmed Al Yammahi, Mahmood Al Awadhi, Mohammed Al Aemri, responsabili delle operazioni meccaniche incluso l’ascensore spaziale; Essa Al Mehairi, responsabile della carica della batteria e del monitoraggio dei veicoli spaziali; Yousuf Al Shehhi è stato incaricato della chiusura di MLI; Omar Al Shehhi responsabile del test di vitalità e monitoraggio dei veicoli spaziali; e Khalifa Al Mehairi che ha la responsabilità del monitoraggio dei veicoli spaziali.

La sonda è stata sottoposta ad una serie di test dal suo arrivo al centro di Tanegashima ad aprile. Questi test, che vengono effettuati per un periodo di 50 giorni lavorativi, comportano test funzionali dei sottosistemi di veicoli spaziali che includono energia elettrica, comunicazione, controllo dell’altitudine, comando e controllo, propulsione, controllo termico e sistemi software.

Il processo include anche il riempimento del serbatoio del carburante con circa 800 chilogrammi d’idrogeno e la garanzia che non vi siano perdite. Richiede anche spostare la sonda sulla piattaforma del lancio, installare la sonda sul razzo e assicurarsi che le batterie siano completamente cariche prima del decollo.

Dopo il rifornimento, il team della Missione Emirates Mars, EMM, assicurerà che l’isolamento multistrato, il MLI e i dispositivi di carica siano adeguatamente sigillati. Dopo, ci saranno le operazioni congiunte con Mitsubishi Heavy Industries, MHI, per alimentare il veicolo spaziale per il test di resistenza, confermare i preparativi e caricare le batterie del veicolo spaziale, nonché prepararlo per il decollo. Questa fase comprende tre test principali, tra cui ricarica della batteria, test di vitalità e monitoraggio dei veicoli spaziali.

È previsto il decollo della sonda Hope il 15 luglio 2020. La data di lancio prevista rappresenta l’avvio della finestra di lancio per la missione, che si estende al 3 agosto 2020 – al fine di garantire che la sonda raggiunga l’orbita desiderata nel più breve tempo e la minima energia possibili. Il processo di decollo comprenderà due fasi. La prima inizia con il propellente a combustibile solido che solleva il razzo dopo la separazione dalla piattaforma di lancio – questa parte si separa automaticamente dopo aver completato la sua missione. Ciò porta alla seconda fase fino al terzo stadio – che dura fino a quando la sonda raggiunge la sua orbita attorno a Marte. Il veicolo di lancio MHI H2A pesa 289 tonnellate ed è di 53 metri di lunghezza.

La piattaforma MHI H2A è stata scelta grazie alla sua comprovata esperienza e reputazione nella tecnologia spaziale in tutto il mondo e ai suoi alti tassi di successo nel lancio di veicoli spaziali e satelliti a livello globale. Da parte loro, gli Emirati Arabi Uniti hanno già collaborato con MHI per lanciare con successo il satellite Khalifa Sat. La sonda Hope dovrebbe entrare nell’orbita di Marte nel febbraio 2021, in coincidenza con le celebrazioni del Giubileo d’oro degli Emirati Arabi Uniti per celebrare la storica unione degli Emirati.

“L’inizio dei controlli e dei test finali sulla sonda Hope in linea con il nostro programma ribadisce il nostro impegno e il processo di pianificazione dettagliata per garantire il successo di questa missione. Siamo grati alla saggia leadership degli Emirati Arabi Uniti per il loro supporto senza sosta, gli sforzi incessanti e la dedizione del team che lavora al progetto per completare con successo questa missione”, ha affermato il dott. Ahmad bin Abdullah Humaid Belhoul Al Falasi, Ministro di Stato per l’Istruzione Superiore e le Competenze Avanzate e Presidente dell’Agenzia spaziale degli Emirati Arabi Uniti.

Ha detto che il team ha più volte superato le sfide per raggiungere i traguardi stabiliti. “Il raggiungimento del successo contro tutte le previsioni rispecchia la forte eredità e identità degli Emirati Arabi Uniti, quale ” l’Impossibile è possibile “, radicata nella cultura dei giovani uomini e donne di questo Paese”, ha aggiunto.

Il dott. Ahmad Belhoul ha ribadito che la sonda Hope rappresenta le ambizioni degli Emirati Arabi Uniti e il loro messaggio positivo di speranza nella regione e nel mondo. “Il messaggio principale è quello di lottare con passione e superare gli ostacoli per trovare soluzioni a beneficio dell’umanità in generale, il che esemplifica la visione della leadership degli Emirati Arabi Uniti. Siamo fiduciosi che la sonda Hope raggiungerà l’orbita di Marte nel febbraio 2021, in coincidenza con le celebrazioni del Giubileo d’oro degli Emirati Arabi Uniti” , ha detto.

Suhail AlDhafri, Vicedirettore del progetto della Missione Mars Emirates e capo del veicolo spaziale, ha dichiarato: “I controlli finali sono passi importanti per garantire che tutti i sistemi funzionino e soddisfino i requisiti prima del rifornimento. Ottenere questi parametri è fondamentale prima di preparare la sonda per il decollo”.

Un team emirati sta guidando l’operazione e supervisionando ogni aspetto della preparazione della sonda per il suo lancio. Il team comprende Omran Sharaf Al Hashemi, Direttore del Progetto Mars Mission Hope Probe degli EAU, Suhail Al Dhafari Al Muhairi, Vice Direttore di Progetto della Squadra di Sviluppo, Omar Al Shehhi, Leader della Squadra di Lancio, Mohsen Al-Awadhi, Risk Manager, Youssef Al -Shehhi, Ingegnere dei sistemi termici, Khalifa Al-Muhairi, Ingegnere dei sistemi di comunicazione, Issa Al-Muhairi, Ingegnere dei sistemi di alimentazione, Ahmed Al-Yamahi, Ingegnere dei sistemi meccanici, Ingegnere dei sistemi meccanici Mahmoud Al-Awadhi e Mohammed Al-Amri, Ingegnere di Sistemi di supporto a terra.

A seguito della pandemia di COVID-19, il team che lavora alla Missione è diviso in tre sotto-team – mettendo in considerazione le sfide relative ai trasporti, ai viaggi, alla logistica e all’adesione alle procedure sanitarie. Mentre il primo gruppo di membri del team ha raggiunto il Giappone il 6 aprile ed è stato sottoposto a quarantena obbligatoria e controlli sanitari, il secondo team è arrivato il 21 aprile.

La terza squadra è ancora negli Emirati Arabi Uniti e offre il supporto necessario alla Missione. Il trasporto della sonda Hope da Dubai al sito di lancio sull’isola di Tanegashima in Giappone è durato più di 83 ore e ha subito tre tappe principali.

WAM / Hazem Hussein

Ecco il Link all’articolo:
Final checks under way ahead of the Hope Probe’s launch on July 15

Così Perseverance raccoglierà 43 pezzi di Marte

Il rover è dotato di un sistema di prelievo dei campioni

Nonostante questa pandemia abbia costretto gran parte del nostro pianeta ad un isolamento forzato ma necessario, la ricerca e l’esplorazione non si sono fermate, e un gruppo di Ingegneri e Tecnici del JPL hanno continuato coraggiosamente a lavorare in nome della Scienza.
Dopo oltre quarant’anni dalle sonde Viking1 e 2, e dopo le strabilianti imprese di Spirit, Oppurtunity e dei sette anni di ricerca del rover Curiosity, la nasa fa uno step in avanti con la sonda Perseverance che verrà lanciata su Marte tra il 20 luglio e il 6 agosto di quest’anno.
Finita di assemblare qualche giorno fa, con la scelta che ripeto e sottolineo coraggiosa di continuare il lavoro di preparazione in un momento in cui la pandemia è ancora in atto, il JPL si appresta ad effettuare l’invio sul pianeta rosso di un altro rover che ricorda per forma e dimensioni Curiosity, ma che ha tantissime novità in termini di analisi del suolo marziano.
Quindi, come sono solito dire; ne vedremo delle belle……

Commentato da: Ciro Sacchetti.

Inserimento dei 39 tubi porta campione nel ventre del rover. Crediti: Nasa/Jpl-Caltech

Perseverance lo è di nome e di fatto, il rover del programma Nasa Mars 2020 programmato per il lancio fra poco più di 40 giorni – nella finestra dal 17 luglio al 5 agosto 2020, per la precisione. Ambizioso e determinato come la squadra di ingegneri e scienziati del Jet Propulsion Laboratory della Nasa che, nonostante le difficoltà di questi mesi, lavora per completare il più complesso, sofisticato e incontaminato meccanismo mai concepito per lo spazio: il Sample Caching System – letteralmente, il sistema di raccolta dei campioni marziani. L’obiettivo della missione è di raccogliere almeno una dozzina di campioni e riportarli sulla Terra nell’arco di una decina d’anni.
Dopo sette anni di lavoro preparatorio, il 20 maggio scorso, presso il Kennedy Space Center in Florida, il team di Perseverance ha caricato gli ultimi 39 dei 43 tubi di campionamento a bordo del rover assieme al sistema di stoccaggio – i primi quattro erano stati precedentemente integrati in altre sedi. L’integrazione del sistema segna una tappa fondamentale verso il lancio del rover.
Sulle orme degli astronauti di Apollo 11, che per la prima volta hanno portato a Terra un campione di suolo proveniente da un altro corpo celeste, il Sample Caching System ha lo scopo di raccogliere e conservare i primi campioni di roccia provenienti da un altro pianeta. Il tutto però con la piccola limitazione di non poter contare su braccia e gambe, diversamente dagli astronauti della missione Apollo Neil Armstrong e Buzz Aldrin.

Una fase del test del Sample Caching System. Crediti: Nasa/Jpl-Caltech

È un lavoro di squadra anche quello che si appresta a compiere il Sample Caching System di Perseverance, che raccoglie sotto un unico nome la collezione e collaborazione di diversi robot. Situate nella parte anteriore del rover, le unità che si occuperanno della raccolta di campioni di suolo marziano sono tre.
La prima è avvitata alla parte anteriore del telaio del rover: si tratta un braccio robotico di due metri a cinque snodi munito di una grande torretta che include un trapano a percussione rotante per raccogliere campioni del nucleo di roccia marziana e regolite – roccia sgretolata dalla granulometria eterogenea e polvere.
Il secondo robot sembra un piccolo disco volante costruito nella parte anteriore del rover. Si tratta di un carosello, ed è l’intermediario fondamentale per tutte le transazioni dei campioni di Marte: dapprima fornirà le punte di trapano e i tubi di campionamento vuoti al trapano e successivamente sposterà i tubi pieni di roccia nel telaio del rover per la valutazione e l’elaborazione.
Il terzo e ultimo robot del Sample Caching System è il braccio di manipolazione del campione – lungo mezzo metro e denominato dal team “braccio T. Rex”. Situato nella pancia del rover, raccoglie i tubi di campionamento trasportati dal carosello, spostando le provette del campione tra le stazioni di stoccaggio e di documentazione.
Per poter funzionare, l’intero sistema prevede una coordinazione temporale svizzera fra le varie componenti. Un orologio a più di tremila ingranaggi. «Sembra molto, ma si comincia a capire la necessità di tale complessità se si considera che il Sample Caching System ha il compito di perforare autonomamente la roccia di Marte, estrarre i campioni del nucleo intatti e poi sigillarli ermeticamente in vasi ipersterili che sono essenzialmente privi di qualsiasi materiale organico di origine terrestre che potrebbe alterare le analisi future», spiega Adam Steltzner, ingegnere capo per la missione Mars 2020 Perseverance presso il Jpl. «In termini di tecnologia, è il meccanismo più complicato e sofisticato che abbiamo mai costruito, testato e preparato per il volo spaziale».
Operativamente, dopo aver raccolto un cilindro intatto di roccia marziana tramite un piccolo carotaggio, il braccio porta il campione verso carosello – il secondo robot – che lo preleva e lo trasferisce all’interno del rover. Qui interviene un altro piccolo apparecchio, che sposta il campione attraverso lo spazio di valutazione, dove vengono prese alcune immagini, viene sigillato e infine depositato nel sito di archiviazione. Il tutto avviene in modo automatico e indipendente, nell’arco di alcune ore.
Come ogni componente del rover, il Sample Caching System è stato creato in due versioni, un modello di prova che rimarrà a terra e quello che volerà verso Marte. «Il modello ingegneristico di prova è identico al modello di volo, ed è nostro compito cercare di romperlo», dice Kelly Palm, l’ingegnere responsabile dell’integrazione del sistema e dei test di Perseverance al JPL. «Lo facciamo perché preferiamo vedere le cose consumarsi o rompersi sulla Terra piuttosto che su Marte. Così mettiamo alla prova il modello ingegneristico per comprendere meglio come usare il suo gemello di volo su Marte».
Non lasciare nulla al caso significa, per il team, usare diverse rocce per simulare diversi tipi di terreno marziano. Esse vengono trivellate da varie angolazioni per simulare qualsiasi situazione in cui il rover potrebbe trovarsi e qualsiasi condizione nella quale il team scientifico potrebbe voler raccogliere un campione.

Di: Valentina Guglielmo 04/06/2020

Link: https://www.media.inaf.it/2020/06/04/perseverance-raccogli-campioni/ 

Veicoli spaziali “morti”: su Marte notati in nuove foto

CI SIAMO!!! La domanda se siamo soli, ha forse trovato risposta in foto che ritraggono un mezzo, una sonda ormai inattiva sulla superficie del pianeta rosso??? Abbiamo finalmente la prova che Marte sia stato meta di una civiltà aliena che vi ha inviato un suo rover di superficie come abbiamo fatto noi terrestri per anni??? Il titolo lascia intendere questo o perlomeno il suo autore aveva probabilmente questo intento, ma niente paura, nessuna prova di vita aliena vicino casa nostra. Si tratta soltanto di immagini scattate da una sorprendente sonda terrestre che continua a stupirci e ad affascinarci con la definizione delle sue fotografie, permettendo a tutti noi di ammirare il suolo Marziano seduti comodamente a casa

Reconnaissance Orbiter (MRO) della NASA , in orbita intorno a Marte dal 2006, ha scattato una foto a colori del “defunto” Phoenix Mars Lander della NASA nel suo sito di atterraggio nell’Artico marziano.
Mostra il lander e i suoi freddi dintorni dopo il secondo inverno trascorso sul pianeta.
Il veicolo spaziale Phoenix è atterrato con successo su Marte nel 2008.

Questa immagine, scattata il 26 gennaio 2012, mostra la navicella spaziale Phoenix Mars Lander non più attiva dopo il suo secondo inverno artico marziano. Il lander ha lo stesso aspetto che aveva dopo il suo primo inverno, come mostrato in un’immagine del maggio 2010.

Questa immagine, scattata il 26 gennaio 2012, mostra la navicella spaziale Phoenix Mars Lander non più attiva dopo il suo secondo inverno artico marziano. Il lander ha lo stesso aspetto che aveva dopo il suo primo inverno, come mostrato in un’immagine del maggio 2010. La foto è stata presa durante il monitoraggio dei modelli di gelo nel sito di atterraggio di Phoenix nell’estremo nord di Marte, usando l’esperimento scientifico ad alta risoluzione (HiRISE) ) telecamera su Mars Reconnaissance Orbiter della NASA.
(Credito Immagine: NASA / JPL-Caltech / Univ. Of Arizona)

Lo scopo di queste ricognizioni è quello di monitorare i modelli di gelo nel sito di atterraggio di Phoenix nell’estremo nord di Marte, usando l’Highise Imaging Science Experiment (HiRISE) telecamera su Mars Reconnaissance Orbiter della NASA.
Il Phoenix Mars Lander è atterrato nel maggio 2008 in missione per cercare prove della presenza di acqua nelle pianure della Vastitas Borealis nell’Artico marziano. Durante la sua missione di quasi sei mesi, il lander da 475 milioni di dollari ha confermato la presenza di ghiaccio d’acqua nel sottosuolo e fatto preziosi studi sul suolo marziano. La missione Phoenix si è conclusa nel novembre 2008 quando il lander non è più riuscita a ricevere energia adeguata a causa di una combinazione di luce solare calante, polvere che oscura la luce e rigide temperature invernali.

In un’altra foto separata, MRO ha individuato anche la piattaforma di atterraggio a tre petali abbandonata dal rover Spirit della NASA nel gennaio 2004.

Vicino all’angolo in basso a sinistra di questa foto c’è la piattaforma di atterraggio a tre petali che la Mars Exploration Rover Spirit della NASA ha abbandonato nel gennaio 2004. Il lander è ancora luminoso, ma con un colore rossastro, probabilmente a causa dell’accumulo di polvere marziana. La telecamera HiRISE (High Resolution Imaging Science Experiment) su Mars Reconnaissance Orbiter della NASA ha registrato questo punto di vista il 29 gennaio 2012, fornendo la prima immagine dell’orbita che mostra la piattaforma di atterraggio di Spirit a colori.
(Immagine: © NASA / JPL-Caltech / Univ. Of Arizona)

La piattaforma ha usato paracadute e airbag per rimbalzare fino al punto di arresto del cratere Gusev in modo che il rover Spirit potesse inizia la sua missione. Spirit ha lasciato la piattaforma dei lander nel gennaio 2004 e ha trascorso gran parte della sua vita lavorativa di sei anni in una serie di colline a circa due miglia (3,2 chilometri) a est, secondo quanto riferito da funzionari della NASA. Il rover è diventato silenzioso nel 2010 e la NASA lo ha dichiarato ufficialmente morto l’anno scorso. [ Vedi le nuove foto delle sonde di Marte morte]Nell’immagine MRO, scattata il 29 gennaio, la piattaforma lander di Spirit appare come una caratteristica luminosa in basso a sinistra, a sud-ovest del cratere Bonneville.La fotocamera del MRO Imaging Science Experiment (HiRISE) ad alta risoluzione ha registrato prima le immagini a colori del rover Spirit stesso, ma tutte le foto precedenti della piattaforma lander erano in bianco e nero, secondo i funzionari della NASA.
Dead rover su Marte Spirit e il suo gemello rover Opportunity sono stati originariamente progettati per missioni di tre mesi per cercare segni di attività acquatiche passate su Marte. Entrambi i rover sopravvissero di gran lunga alla loro garanzia, e le missioni fornirono la prova che il Pianeta Rosso era un tempo un posto molto più umido e più caldo. Spirit ha smesso di guidare quando è diventato impantanato nella sabbia nel maggio 2009. Gli scienziati della missione hanno quindi convertito il rover in un osservatorio stazionario e Spirit ha continuato a inviare i dati dalla sua posizione intrappolata. Ma, 10 mesi dopo, il rover si è zittito dopo essere stato incapace di catturare abbastanza luce solare sui suoi pannelli solari nel corso dell’inverno marziano. Tuttavia, Opportunity rimane vivo e vegeto su Marte, e il mese scorso ha celebrato otto straordinari anni sulla superficie del Pianeta Rosso. Dopo un viaggio di tre anni, l’intrepido rover è arrivato al cratere Endeavour largo 22 miglia (22 chilometri) nell’agosto 2011. Il rover ha recentemente scoperto ciò che i ricercatori dicono sia la migliore prova dell’esistenza di acqua liquida sull’antico Marte.

A sinistra la sonda Phoenix Mars Lander e a destra la piattaforma di atterraggio del rover Spirit

Il Mars Reconnaissance Orbiter continua ad avere una prolifica carriera in orbita attorno al Pianeta Rosso. La sonda ha completato l’immissione in orbita il 10 marzo 2006 ed attualmente la sua missione è stata estesa. L’orbiter continua a fornire preziose informazioni sull’antico ambiente marziano e su come processi come: il vento, gli impatti dei meteoriti e le gelate stagionali continuano a influenzare la superficie di Marte.
MRO ha trasmesso più dati sulla Terra rispetto a tutte le altre missioni interplanetarie messe insieme.

Fonte: Space.com
Link: https://www.space.com/14526-dead-mars-spacecraft-photos-spirit-phoenix.html