Archivi categoria: Flash News

Commenti alle notizie scientifiche della settimana.

L’astronave SN5 conduce con successo il test di volo di 150 metri

Space X ha letteralmente preso il volo…….

A pochi giorni dal rientro dalla I.S.S.  della navicella Crew Dragon 2 dopo essere stata attraccata alla stazione spaziale per due mesi circa, Space X continua a stupire e a macinare risultati nell’ottica di riportare l’uomo a calpestare il suolo di un altro pianeta.

Si perché Elon Musk e il suo Team hanno di fatto riportato due Americani Doug Hurley e Bob Behnken, in un veicolo Americano, lanciato dal un lanciatore americano nello spazio dopo nove anni di digiuno e tante promesse disattese  dell’Agenzia Spaziale Statunitense. Ma le cose non si fermano e in Space X non si dorme sugli allori,poco prima che la commissione della USAF potesse deliberare che proprio Space X e U.L.A. avranno la commessa per la messa in orbita dei suoi satelliti (un affare da diversi miliardi di dollari), si effettuano test su una sezione (che ricorda tanto un silos) dello Starship utilizzando per la struttura acciaio e come propellente per il motore Raptor il metano!!!

Inutile dire che quest’agenzia ma soprattutto quest’uomo stanno rivoluzionando il modo di vedere questa nuova fase dell’esplorazione spaziale con soluzioni impensabili ma vincenti.

Buona lettura

Commentato da: Ciro Sacchetti

L’astronave SN5 conduce con successo il test di volo di 150 metri

scritto da Michael Baylor- il 3 agosto 2020
Fonte: NASA

Il prototipo dell’astronave SN5 ha condotto con successo un volo di prova di 150 metri martedì dal sito di test di SpaceX a Boca Chica in Texas. Il tentativo di lancio di lunedì è stato cancellato dopo che il motore Raptor SN27 si è bloccato all’accensione. Dopo un aborto all’inizio della finestra di martedì, il tentativo in ritardo nella finestra ha visto SN5 prendere il volo e atterrare tutto intero. Il salto è stato il primo volo di una sezione di Starship a grandezza naturale che per forma ricorda quella di un Silo, aprendo la strada a SpaceX per tentare voli ad altitudini più elevate con prototipi di Starship.

La finestra di lancio per l’Hop di lunedì è durata dalle 8:00 alle 20:00 Central (13:00 – 01:00 UTC). Tuttavia, i piani di Space X miravano al decollo durante l’ultima parte della finestra.

I programmi dei test sono estremamente fluidi, con lo stesso Elon Musk che scandisce il conto alla rovescia a circa 30 minuti dalla fine. Questo è stato seguito dalla sirena della polizia T-10 minuti prima del conto alla rovescia per l’accensione. Tuttavia, il Lift-off è stato interrotto, probabilmente a T-0, a causa di un problema con il Raptor.

La finestra di martedì si è aperta alle 8 del mattino ora locale. Il primo tentativo è stato interrotto con pochi minuti rimanenti prima che gli sforzi di riciclaggio del propellente iniziassero per tentare un tentativo nel corso della giornata.

Quel secondo tentativo della giornata si è rivelato quello in cui SN5 ha preso il volo

Come al solito, il primo segnale che le squadre stavano lavorando per un tentativo di salto è stato quando la strada per il sito di lancio è stata chiusa al pubblico. Ciò si verifica sempre con largo anticipo rispetto al volo di prova.

Il pad viene quindi ripulito da tutto il personale di SpaceX almeno un’ora o due prima del lancio. Infine, una sirena suona dieci minuti prima del decollo. La sirena avverte i residenti del vicino villaggio di Boca Chica che le attività di volo spaziale sono imminenti

I fan sono rimasti aggiornati sullo stato del volo, con aggiornamenti pubblicati sull’account Twitter @NASASpaceflight . Il canale YouTube NASASpaceflight ha anche trasmesso il volo di prova in diretta da Boca Chica, in Texas

Per il tentativo riuscito, SpaceX ha spinto il conto alla rovescia, con la sirena della polizia che suona ancora una volta. Quindi, al T-0, Raptor SN27 si è acceso e, come previsto, l’astronave stellare è stata sollevata dal pad con una rotazione a causa del posizionamento del motore decentrato

Salendo in aria, Starship quindi, sotto il controllo dei suoi propulsori Reaction Control System (RCS), ruotò leggermente e iniziò la sua discesa verso la piattaforma di atterraggio.

Quando il fumo si è diradato, si è visto che SN5 era ancora in piedi, consentendo agli “SpaceXer” che stavano guardando il test di scoppiare in applausi.

SpaceX non aveva effettuato un volo dalla loro struttura di Boca Chica da quando Starhopper – un veicolo di prova di Starship su scala ridotta – è letteralmente saltato a 150 metri nell’agosto 2019 .

L’astronave SN5 presenta una sezione di spinta con serbatoi di ossigeno liquido e metano impilati sulla parte superiore. Un cono di prua e superfici aerodinamiche sono gli unici componenti significativi mancanti tra SN5 e un veicolo Starship a grandezza naturale.

Sebbene SpaceX non abbia rilasciato l’altezza ufficiale di SN5, si stima che sia comparabile ad un campo da baseball di 30 metri circa.

Per eseguire il salto di 150 metri, SN5 ha utilizzato Raptor SN27 . Mentre la sezione di spinta di SN5 è stata costruita per supportare fino a tre motori Raptor in una configurazione a triangolo, per il primo volo è stato installato solo un motore alimentato a metano. Ciò significa che la spinta durante il salto era asimmetrica. La spinta asimmetrica ha fatto sì che l’astronave SN5 scivolasse via mentre lasciava il pad.

I propulsori di controllo dell’atteggiamento hanno anche aiutato a controllare il veicolo nel corso del salto.

I carichi di propellente erano bassi per il volo, riducendo il rischio per le infrastrutture circostanti in caso di anomalia.

Inoltre è stato aggiunto un simulatore di massa sulla parte superiore del veicolo. È probabile che la sua presenza compensi la mancanza di massa propellente. Il simulatore di massa è stato creato saldando insieme due rotoli di acciaio inossidabile. I rulli sono dello stesso tipo utilizzato per costruire i prototipi di Starship.

Il profilo del salto di 150 metri della Starship SN5 era molto simile a quello di Starhopper. L’SN5 è decollato dalla sua postazione di lancio e si è fatto strada fino a 150 metri. Il veicolo iniziò quindi a traslare su una vicina piattaforma di atterraggio.

Sei gambe di atterraggio, situate all’interno della sezione di spinta di SN5 e ripiegate durante il lancio, schierate prima dell’atterraggio.

Il processo di sviluppo di SpaceX si basa fortemente su una rapida iterazione, che avrebbe consentito un fallimento del test. L’azienda preferisce eseguire test come il salto di SN5 il prima possibile. I test forniscono dati preziosi per informare i progetti futuri.

Se il salto di SN5 non fosse andato secondo i piani, l’astronave SN6 era già in attesa e avrebbe potuto potenzialmente essere pronta come sostituto di SN5 in breve tempo.

Alla fine, il salto di 150 metri è andato secondo i piani per SN5, come è successo con Starhopper. Le battute d’arresto con i precedenti prototipi di Starship avevano ritardato il salto di 150 metri di diversi mesi.

Le astronavi Mk1, SN1 e SN3 non hanno superato tutti i test di prova criogenici, in cui i serbatoi sono pressurizzati con azoto liquido per garantire l’integrità strutturale. I test di SN2 hanno avuto successo, ma si trattava di un prototipo su scala ridotta non destinato al volo.

SN4 è diventato il primo veicolo su vasta scala a superare un test di prova criogenico ed eseguire accensioni statiche. Tuttavia, la sua quinta accensione statica ha provocato un’esplosione poco dopo l’arresto del motore.

L’anomalia di SN4 è stata causata da un problema con i condotti ombelicali a disconnessione rapida. Come parte del test, le disconnessioni rapide – che collegano le linee del propellente al veicolo – sono state staccate come farebbero per un normale decollo. Tuttavia, le valvole non si sono chiuse, perdendo grandi quantità di propellente. Il propellente è stato infine acceso, provocando un’esplosione.

Durante il singolo test antincendio statico di SN5, il sistema di disconnessione rapida è stato nuovamente testato . Questa volta il sistema ha funzionato come previsto

Con il tentativo di volo di SN5 riuscito, SpaceX procederà probabilmente a voli di prova ad altitudini più elevate. Sebbene i dettagli esatti delle prossime pietre miliari dei test non siano stati confermati, ci si aspetta che presentino un design di Starship più completo.

L’astronave SN8, il prototipo attualmente in costruzione, dovrebbe presentare tre motori Raptor, un cono di prua e superfici aerodinamiche. Queste caratteristiche consentirebbero al veicolo di eseguire test di volo ad altitudini molto più elevate. Tuttavia, i piani rispetto ai test di Starship non hanno scadenze precise, quindi fino a quando SpaceX non avrà avuto la possibilità di rivedere i dati dal salto di Starship SN5, le attività di test future rimangono molto in evoluzione.

Link all’articolo:

Link Youtube:

Importante Contratto per space-x e ula

Importante contratto per Space X e la concorrente ULA, rispettivamente per 2,5 e 3,5 miliardi $. Sconfitti Grumman e Blue Origin. Novita’ anche per ULA, che nel 2021 abbondonera’ i motori RD-180 russi a favore di innovativi motori a metano e ossigeno.

Le due aziende americane Space-X di Elon Musk e ULA (United Launch Alliance, joint venture di Lockheed Martin e Boeing) hanno ricevuto l’incarico di effettuare decine di lanci militari per la US Air Force nei prossimi 5 anni: dal 2022 al 2026 ULA lancerà il 60% dei lanci previsti mentre SpaceX il restante 40%. Questo e’ un risultato molto importante per le due aziende, in un mercato piuttosto volatile, perche’ gli assicura entrate cospicue su un orizzonte temporale lungo, e gli permette di fare investimenti con relativa tranquillita’. In lizza c’erano anche Northrop Grumman con il lanciatore OmegA e Blue Origin con il New Glenn, che sono state scartate.

Space-X era fra le favorite dall’inizio, avendo lanciatori gia’ certificati per lanci militari ed essendo di gran lunga la piu’ economica (pur non essendo il prezzo uno dei criteri principali). Il fairing (copertura a guscio) nella parte sommitale del razzo verra’ cambiato, siccome i satelliti militari sono progettati per essere situati sul razzo, quando questo e’ gia’ verticale per semplificarne il design. Questa modifica e’ probabilmente inclusa nei costi di sviluppo della prima missione Space-X per USAF: la USSF-67, per cui USAF paghera’ 316 milioni di dollari (che e’ circa il doppio di un lancio normale, anche a perdere). Space-X effettuera’ da 12 a 14 lanci nei prossimi 5 anni.

ULA, invece, come detto, dovra’ liberarsi dalla dipendenza dai famosi motori russi (in realta’ sovietici) RD-180, di cui abbiamo gia’ parlato nelle nostre news. Questo scaturisce da un obbligo deciso dal Congresso americano, di non dover dipendere da altre nazioni per lanci che riguardano la sicurezza nazionale.

Nasce cosi’ il Vulcan, una evoluzione dell’affermato veterano Atlas V, di cui ne condivide il secondo stadio e i booster laterali. Il primo stadio invece e’ innovativo, con due potenti motori BE-4 a metano ed ossigeno liquido: diventera’ quindi il primo lanciatore a metano liquido. Il Vulcan sta bruciando le tappe di sviluppo, e dovrebbe fare il primo lancio a meta’ dell’anno prossimo. I primi due lanci per USAF saranno l’anno successivo, nel 2022 (USSF-51 e USSF-106) per cui l’Air Force paghera’ 337 milioni di dollari a lancio.

Una delle caratteristiche comuni a ULA e Space-X, e non condivisa da altri partecipanti al bando, e’ la possibilita’ di lanciare dalla base di Vanderberg, sulla costa Ovest, verso orbite polari, caratteristica ritenuta fondamentali per satelliti militari (ad esempio per i satelliti spia, che devono scanerizzare il pianeta una fetta alla volta, come tagliare un’anguria a fette sottili).

Blue Origin di Jeff Bezos e’ una delle sconfitte, ma e’ comunque lo sviluppatore dei motori BE-4, e quindi risulta indirettamente coinvolta nella commessa.

Il secondo sconfitto, dal nome importante nella storia delle forniture militari e spaziali americane, e’ Northrop Grumman. La Grumman aveva ad esempio sviluppato il Lunar Module (LM) delle missioni Apollo, e si e’ aggiudicata una parte importante del Lunar Gateway, stazione spaziale lunare in sviluppo da poco. Questa esclusione della Grumman, potrebbe portare alla cancellazione dello sviluppo del proprio razzo OmegA, o perlomeno della variante “heavy”.

Fonte: https://www.astrospace.it/2020/08/08/spacex-e-ula-vincono-contratti-militari-per-miliardi-di-dollari/?fbclid=IwAR3hZpjMODv_PLFdilsGZ83rO8siCiobITPvSDwStDchzCnWE2GzdS4MQv0

La sonda InSight della NASA è di nuovo protagonista!

InSight

Dopo altre attività di monitoraggio, la pala meccanica torna sulla sonda termica HP3 e finalmente la seppellisce con uno strato di materiale superficiale.

Seguo da tempo questo lander marziano a cui sono state delegate parecchie attività e che ha subito molte disavventure, in particolare proprio sulla sonda HP(“Heat Flow and Physical Properties Package”), destinata a misurare temperatura e flusso di calore nel suolo di Elysium planitia.

L’obiettivo della missione è quello di investigare sulla struttura interna di Marte allo scopo di ricavare degli indizi sulle fasi più remote della formazione dei pianeti terrestri nella più ampia formazione del sistema solare.

Il suo sensibilissimo sismometro SEIS sta già lavorando egregiamente.

Le disavventure e gli imprevisti sono stati tanti ma è impressionante quanto sia capace e flessibile l’operatività di questo robot, attraverso ovviamente le strategie inventate da Terra per superare le avversità. Un diligente instancabile operaio a disposizione (ma immobile) su Marte.

Oggi sembra che la pala robotica sia finalmente tornata ad occuparsi della sonda termica e speriamo che riesca a concludere l’operazione prima che cambi la stagione.

Ora è quasi interamente al di sotto del livello del terreno ed è ferma lì dal Sol 536 (30 Maggio).

Credit: NASA/JPL-Caltech.

Con l’arrivo a febbraio 2021 di Perseverance, collega di Curiosity e di Opportrunity, la comunità robotica NASA operativa su Marte comincia a diventare importante.

Si sta preparando l’arrivo dell’uomo.

Vi propongo l’articolo di Marco Di Lorenzo su AliveUniverse per approfondire i progressi fatti e ciò che ancora ci aspettiamo da InSight.

Commentato da Luigi Borghi.

Eccolo.

.https://aliveuniverse.today/speciale-missioni/marte/lander/insight/4692-la-sepoltura-della-talpa

Fotografato un sistema multiplanetario attorno ad una stella di tipo solare a 300 anni luce dalla Terra

TYC 8998-760

Ci stiamo muovendo velocemente verso la visione diretta dei pianeti extrasolari? Si. È vero! I moderni telescopi ottici di grandi dimensioni aiutano ed aiuteranno sempre di più in questa caccia. Anche i telescopi spaziali, con l’aiuto di sofisticati coronografi, sono e saranno in grado di regalarci informazioni ed immagini sempre più dettagliate.

Senza voler fare l’avvocato del diavolo però devo dire che non è da oggi che abbiamo questa capacità. Nell’immagine sottostante abbiamo la fotografia di un sistema planetario della stella HR 8799, distante 129 anni luce da noi, che dal 2009 a 2015 è stata oggetto di attente osservazioni che hanno poi portato alla individuazione di enormi pianeti orbitanti.

HR 8799 ospita quattro pianeti tipo “super-Giove” in orbita con periodi che vanno da decenni a secoli. L’interpolato di questa immagine è stato realizzato interpolando 7 immagini di HR 8799  nella costellazione di Pegaso, situata ad una distanza di 129 anni luce, prese dal telescopio Keck in 7 anni (2009-:-2015).

Maggiori informazioni su http://www.manyworlds.space/index.php/2017/01/24/a-four-planet-system-in-orbit-directly-imaged-and-remarkable/ Crediti: Creazione video e interpolazione di movimento: Jason Wang Analisi dei dati: Christian Marois Determinazione dell’orbita: Quinn Konopacky Acquisizione dei dati: Bruce Macintosh, Travis Barman, Ben Zuckerman

Anche i pianeti dell’articolo che vi propongo oggi che orbitano attorno alla TYC 8998-760-sono enormi.

TYC 8998-760-1b è circa 14 volte più massiccio di Giove e orbite a una distanza media di 160 unità astronomiche (AU), impiegando secoli. Possiamo dire una stella mancata perché la enorme forza di gravità di questa enorme massa produrrà sicuramente enormi temperature all’interno del pianeta, senza riuscire comunque ad innescare la fusione.

Insomma, per “vederli bene” dobbiamo aspettare la nuova generazione di telescopi a Terra (in vetta al Cerro Armazones, in Cile a 3000 metri, sta sorgendo l’European Extremely Large Telescope. Con uno specchio primario di 39 metri. Vedrà la prima luce nel 2025) e nello spazio (JWST della NASA. Verrà collocato in L2 Terra-Sole a circa 1,5 milioni di km dalla Terra, e sarà in grado di vedere nell’infrarosso. Operativo entro il 2022).

Ricordati sempre che vederli sarà presto possibile, andarci invece… scordiamocelo!

Commentato da Luigi Borghi.

Eccovi la traduzione dell’articolo.

Fotografato per la prima volta in assoluto un sistema multiplanetario attorno ad una stella di tipo solare a 300 anni luce dalla Terra.

I due pianeti appena ripresi sono enormi: 14 e 6 volte più massicci di Giove.

Il Very Large Telescope (VLT) dell’Osservatorio europeo meridionale in Cile, secondo un nuovo studio, ha fotografato due pianeti giganti che circondano TYC 8998-760-1, una stella molto giovane, analoga al nostro sole, che si trova a circa 300 anni luce dalla Terra,

“Questa scoperta è un’istantanea di un ambiente che è molto simile al nostro sistema solare , ma in una fase molto precedente della sua evoluzione”, ha detto in una nota l’ autore principale dello studio Alexander Bohn, uno studente di dottorato all’Università di Leida nei Paesi Bassi. 

I due pianeti giganti nel sistema TYC 8998-760-1 sono visibili come due punti luminosi al centro (TYC 8998-760-1b) e in basso a destra (TYC 8998-760-1c) dell’immagine, indicati dalle frecce. 

Sono visibili nell’immagine altri punti luminosi, che sono stelle di sfondo. 

Prendendo immagini diverse in momenti diversi, il team è stato in grado di distinguere i pianeti dalle stelle di sfondo. L’immagine è stata catturata bloccando la luce dalla giovane stella simile al sole (in alto a sinistra al centro) usando un coronagraph, che consente di rilevare i pianeti più deboli. Il luminoso e il buio visti sull’immagine della stella sono artefatti ottici.  (Credito immagine: ESO / Bohn et al.)

Prima di questo storico ritratto cosmico, solo due sistemi multiplanetari erano mai stati fotografati direttamente e nessuno dei due presentava una stella simile al sole, hanno detto i membri del team di studio. E scattare una foto anche di un solo esopianeta rimane un risultato raro.

“Anche se gli astronomi hanno rilevato indirettamente migliaia di pianeti nella nostra galassia, solo una piccola parte di questi esopianeti è stata fotografata direttamente”, ha affermato il co-autore Matthew Kenworthy, professore associato all’Università di Leida, nella stessa dichiarazione.

Bohn, Kenworthy e i loro colleghi hanno studiato la stella 17enne TYC 8998-760-1 di 17 milioni di anni con lo strumento di ricerca esopianeta ad alto contrasto Spectro-Polarimetrico del VLT, o SPHERE in breve. SPHERE utilizza un dispositivo chiamato coronagraph per bloccare la luce accecante di una stella, consentendo agli astronomi di vedere e studiare in orbita i pianeti che altrimenti andrebbero persi nel bagliore.

Le immagini SPHERE appena riportate hanno rivelato due pianeti nel sistema, TYC 8998-760-1b e TYC 8998-760-1c. Gli astronomi conoscevano già TYC 8998-760-1b – un team guidato da Bohn ha annunciato la sua scoperta alla fine dello scorso anno – ma TYC 8998-760-1c è un mondo ritrovato.

I due pianeti sono enormi e distanti. TYC 8998-760-1b è circa 14 volte più massiccio di Giove e orbite a una distanza media di 160 unità astronomiche (AU), e TYC 8998-760-1c è sei volte più pesante di Giove e si trova a circa 320 UA dalla stella ospite . (Una UA è la distanza media Terra-sole – circa 150 milioni di chilometri. Per fare un confronto: Giove e Saturno orbitano attorno al nostro sole a soli 5 UA e 10 UA, rispettivamente.)

Non è chiaro se i due mondi in TYC 8998-760-1 si siano formati nelle loro posizioni attuali o siano stati spinti fuori in qualche modo. I membri del team di studio hanno detto che ulteriori osservazioni, comprese quelle fatte da enormi osservatori futuri come l’Extremely Large Telescope (ELT) europeo, potrebbero aiutare a risolvere questo mistero.

Altre domande rimangono sul sistema TYC 8998-760-1. Ad esempio, i due giganti gassosi hanno compagnia? Diversi pianeti rocciosi potrebbero circolare relativamente vicino alla stella, come fanno nel nostro sistema solare? 

“La possibilità che strumenti futuri, come quelli disponibili sull’ELT, saranno in grado di rilevare anche pianeti di massa inferiore attorno a questa stella segna un’importante pietra miliare nella comprensione dei sistemi multiplanetario, con potenziali implicazioni per la storia del nostro sistema solare”, Disse Bohn.

Il nuovo studio è stato pubblicato online il 22 luglio 2020, in The Astrophysical Journal Letters.

Mike Wall è l’autore di “Out There” (Grand Central Publishing, 2018; illustrato da Karl Tate), un libro sulla ricerca della vita aliena. Seguilo su Twitter @michaeldwall. Seguici su Twitter @Spacedotcom o Facebook. 

Commentato da Luigi Borghi.

Ecco il link:

https://www.space.com/multiplanet-system-sun-like-star-first-photo.html

Il primo elicottero su Marte inizierà a volare l’anno prossimo. Ecco come.

Ingenuity

Nella scorsa flash vi avevo parlato di un elicottero che volerà su Marte, quindi mi sembra giusto fornirvi maggiori dettagli. Una missione che allargherà l’orizzonte nel vero senso della parola. Ve ne avevo già parlato nel numero 37 de Il Cosmo news di Giugno 2018, ma ora ovviamente ne sappiamo molto di più.

L’elicottero ha già volato qui sulla Terra. Non è stato facile simulare le condizioni marziane dove la gravita è 1/3 di quella terrestre e la densità atmosferica 1/100 (per un elicottero è una condizione molto gravosa), ma i test sono stati superati. Ora resta solo da vedere a febbraio del prossimo anno quanto la simulazione sia stata in linea con la realtà.

L’elicottero, chiamato Ingenuity, della Lockheed Martin Space di Denver sarà appeso sotto la pancia del Rover Perseverance.

Ad atterraggio (pardon ammartaggio) avvenuto, dopo che il Rover avrà cercato uno spazio piano, Ingenuity verrà poi sganciato e cadrà al suolo (un salto di pochi centimetri).

Dopodiché il Rover si allontanerà lasciandolo libero alla luce del sole.

…..


Quando sarà alla distanza di sicurezza cominceranno i testi di volo. Incrociamo le dita e prepariamo il sigaro!

Come vedete dalla foto, il piccolo “volatile” ha un pannello fotovoltaico (sopra alle pale) che gli consentirà di ricaricarsi e quindi ripartire per una nuova missione. Con l’irradiazione solare che ci troviamo su Marte ci vorrà mooolta pazienza.

Questo piccolo elicottero potrebbe spianare la strada a una vasta esplorazione dei cieli marziani.

Andiamo ancora di piu nel dettaglio.

Il rover Perseverance della NASA avrà quindi un passeggero speciale quando scenderà nel cratere Jezero di Marte nel febbraio 2021, il primo elicottero in assoluto a volare su un altro mondo.

Con un peso sulla Terra di 1,8 chilogrammi, l’elicottero, chiamato Ingenuity , viaggerà su Marte, in una prima fase, sotto la pancia di Perseverance, stringendosi in un punto che offre circa 24 pollici (61 centimetri) di altezza da terra, incluso il sistema di consegna dell’elicottero. 

Ingenuity stesso è solo 5 pollici (12 cm) più corto della zona libera.

Ingenuity continuerà ad aggrapparsi al Rover per circa due mesi dopo l’atterraggio del 18 febbraio 2021. Le due macchine (con l’aiuto di operatori remoti sulla Terra) cercheranno un’area piatta, senza ostacoli, dove Ingenuity possa eseguire operazioni di test.

La squadra dovrà trovare una zona che è di circa 33 piedi per 33 piedi (10 per 10 metri) che Perseverance può monitorare mentre è parcheggiata a circa un campo di football americano, hanno detto i membri della squadra della missione. Lo spiegamento di Ingenuity avverrà dopo che Perseverance entrerà nel centro dell’aerodromo. Gli operatori trascorreranno circa sei giorni terrestri a controllare tutti i sistemi prima di preparare l’elicottero a volare.

“Il processo di spiegamento inizia con il rilascio di un meccanismo di blocco che mantiene in posizione l’elicottero”, hanno scritto i funzionari di JPL nella dichiarazione. “Quindi un dispositivo pirotecnico taglierà il cavo, consentendo a un braccio caricato a molla che tiene l’elicottero, di iniziare a ruotare l’elicottero dalla sua posizione orizzontale. Lungo la strada, un piccolo motore elettrico tirerà il braccio fino a quando non si blocca, portando il corpo dell’elicottero completamente verticale con due delle sue gambe di atterraggio caricate a molla dispiegate. Un altro bullone esplosivo rilascierà le altre gambe. “

Durante questo processo, il sistema di spiegamento manterrà le connessioni elettriche e di dati tra Perseveranza e Ingenuity fino a quando non sarà il momento di liberare l’elicottero. Il piano è far cadere delicatamente Ingenuity in superficie e far allontanare Perseverance, permettendo a Ingenuity di caricare le batterie con il suo pannello solare. Quindi, se tutto va secondo i piani, sarà il momento di fare alcuni voli di prova.

L’elicotteri è progettato per operare per 30 sol o giorni marziani, per vedere quanto sarà fattibile il volo Red Planet per le missioni future. Gli ingegneri useranno le lezioni apprese da Ingenuity, che non trasporta strumenti di bordo, per costruire potenzialmente elicotteri futuri che possano aiutare i rover e forse anche gli astronauti. 

Alcuni possibili usi per i futuri elicotteri di Marte includono lo scouting in avanti per terreni difficili, lo studio delle scogliere verticali e l’esplorazione di grotte o crateri profondi che un rover potrebbe non essere in grado di raggiungere, hanno detto i funzionari della NASA.

Gli obiettivi principali della missione consistono nella ricerca di segni dell’antica vita di Marte e nella memorizzazione nella cache di campioni promettenti per il futuro ritorno sulla Terra. Il rover porta anche dimostrazioni tecnologiche che potrebbero aiutare i futuri esploratori umani sul Pianeta Rosso, incluso uno strumento progettato per produrre ossigeno dall’atmosfera marziana sottile, dominata dal biossido di carbonio. La NASA mira a mettere gli stivali su Marte negli anni ’30, dopo aver riportato gli astronauti sulla luna in questo decennio.

Perseverance si lancerà su Marte non prima del 30 luglio di quest’anno , unendosi infine al rover Curiosity della NASA sulla superficie del Pianeta Rosso. Curiosity è sbarcato nell’agosto 2012 e continua a essere operativo.

Commentato da Luigi Borghi.

Ecco il link:

https://www.space.com/nasa-mars-2020-mission-helicopter-ingenuity.html

Perché l’Europa quest’anno non va su Marte?

Nell’estate 2020, anno in cui Marte e la Terra si trovano nella giusta posizione per consentire una missione di andata (capita ogni due anni circa), erano previsti tre lanci che avrebbero coinvolto il mondo intero: russi, americani, europei, giapponesi ed Emirati Arabi. Un vero assalto scientifico al pianeta rosso.

La NASA, a fine luglio, invierà  “Perseverance”  destinato alla missione Mars 2020 e dovrà, come il suo predecessore Curiosity, cercare tracce di vita sul suolo marziano e inviare dati da analizzare per studiare il Pianeta. Avrà a disposizione un piccolo elicottero per allargare l’area di ricerca. Un vero salto di qualità!

Gli Emirati Arabi, con un vettore giapponese della Mitsubishi, invieranno la sonda “Hope”, un orbiter con il quale inizieranno la loro avventura nell’esplorazione. Ve ne ha ampliamente parlato il collega Ciro Sacchetti nella sua flashNews di pochi giorni fa a cui vi rimando.

E noi? Cosa avrebbe dovuto fare l’ESA?

Dal cosmodromo di Bajkonur il razzo russo con il rover 2020 dell’ESA, con tanta tecnologia italiana, sarebbe dovuto appunto partire fra luglio e agosto, ma la prudenza ha consigliato il rinvio al 2022.

Il flop della sonda Schiaparelli, schiantatosi su Marte nel 2016, ha senz’altro contribuito ad allungare i tempi, ma sembra che non sia la vera causa dello slittamento.

Credo giusto aggiungere che il consorzio italiano che partecipa alla missione (con oltre un miliardo di euro di investimenti) ha fatto il suo dovere ed è in linea con il programma.

Sembra che i problemi che hanno fatto perdere la finestra di lancio del 2020, obbligando quindi a riprogrammarci per il 2022, siano dovuti alle connessioni ed alla interfaccia fra i componenti dell’Italia e dell’Agenzia spaziale europea con quelli russi di Roscomos.

Insomma problemi legati ai diversi standard utilizzati che, anche in passato, hanno fatto danni pure alla NASA.

Buona lettura

Commentato da Luigi Borghi.


Ecco il Link all’articolo:

https://www.ilmessaggero.it/scienza/exomars_coronavirus_rover_rinvio_esa_missione_marte_ecco_perche-5106925.html


Gli Emirati alla conquista del pianeta rosso

Speranza!

E’ con questo nome, “Hope”, che gli Emirati Arabi iniziano la loro avventura nell’esplorazione del Cosmo.
La sonda Hope, rappresenta il biglietto d’imbarco staccato dai ricchissimi Emirati per intraprendere un lungo viaggio che li porterà ad esplorare il misterioso pianeta rosso; Marte.

La loro nuova avventura dopo il loro primo Astronauta Haza Al Maansouri sulla I.S.S. è la sonda Hope che il 15 luglio dovrebbe decollare dal centro Spaziale Tanegashima in Giappone, è destinata a raggiungere Marte e ad indagare sui cambiamenti climatici del pianeta indizio fondamentale per capire come Marte è mutato nei millenni.

Quando un altro paese si affaccia sul difficile mondo dell’esplorazione spaziale suscita un certo piacere perche credo che il futuro dell’Umanità risieda nella capacità di esplorare e successivamente raggiungere e colonizzare altri pianeti, non sarà un sentiero facile o breve, ma sono sicuro che ci riusciremo…..

Buona lettura

Commento di Ciro Sacchetti


Gli Emirati alla conquista del pianeta rosso

Di euronews  •  ultimo aggiornamento: 10/03/2020

Sono stati anni davvero impegnativi per il programma spaziale degli Emirati Arabi Uniti. Hanno sviluppato e lanciato una serie di satelliti e l’anno scorso hanno inviato il primo astronauta degli Emirati, Hazza Al Maansouri, alla Stazione Spaziale Internazionale.

Ora gli Emirati hanno lo sguardo fisso su Marte. E il culmine di tutti i loro sforzi è la sonda Hope, destinata a orbitare attorno al pianeta rosso.

“Ciò che la missione Emirates Mars fornirà – spiega Sarah Al Amiri, ministro per le scienze avanzate degli Emirati – sono i dati effettivi per un intero anno da ovunque su Marte. Perché è importante? Il cambiamento climatico è uno dei motivi: comprendere meglio le dinamiche meteorologiche e i cambiamenti atmosferici su Marte ci darà un elemento per sapere ciò è successo sul pianeta rosso. Perché è entrato nello stato in cui è oggi; ciò ci consentirà di comprendere meglio i cambiamenti climatici sulla terra e ciò che di solito accade naturalmente quando si tratta di cambiamenti climatici. Inviare uomini su Marte ci fornirà una migliore comprensione di ciò che si dovrà affrontare. È qualcosa di diverso da qualsiasi impresa abbiamo mai sognato o pensato di poter sognare o tentare”.

“Emirates Mars Mission è qualcosa di diverso da qualsiasi impresa abbiamo mai sognato o pensato di poter sognare o tentare”

Sarah Al Amiri 
Ministra per le scienze avanzate degli Emirati Arabi Uniti

Raggiungere Marte significherà grandi cambiamenti per gli Emirati Arabi Uniti.

Omran Sharaf, responsabile del progetto Emirates Mars spiega che gli Emirati cercano un cambiamento nell’ecosistema quando si tratta di costruire un’economia basata sulla conoscenza creativa, competitiva e innovativa. E si guarda allo spazio come a un mezzo per farlo. “Si tratta di affrontare le nostre sfide nazionali legate alle risorse idriche, alimentari ed energetiche. E si tratta di generare conoscenza che servirà a tutta l’umanità”, aggiunge Sharaf.

Spettrometri e supersensori per studiare Marte e orientare la sonda

Gli strumenti scientifici che raccoglieranno tutti questi nuovi dati da Marte includono:

  • Uno spettrometro a infrarossi per studiare i sistemi di nuvole dell’atmosfera inferiore, i cicli di diossido di carbonio e le temperature.
  • Un sensore per immagini ad alta risoluzione e per comprendere meglio i raggi ultra violetti nell’atmosfera inferiore.
  • Uno spettrometro a ultravioletti che esamina la velocità con cui l’idrogeno e l’ossigeno lasciano l’atmosfera superiore di Marte.

Nel maggio di quest’anno la sonda arriverà al centro spaziale di Tanegashima in Giappone, e l’arrivo nell’orbita marziana è previsto nel 2021. La data di partenza è stata scelta perché in quel momento la Terra e Marte si troveranno alla minima distanza tra loro. Questa situazione si ripete all’incirca ogni due anni, pertanto se la finestra di lancio del 2020 dovesse essere persa, il lancio sarà posticipato al 2022.

La sonda Hope

La sonda Hope consta di tre antenne a basso guadagno e un’antenna a elevato guadagno. Questa è usata principalmente quando si è lontani dalla terra. L’antenna ad alto guadagno ha un diametro di 1,85 metri. Generalmente si inviano dati sulla terra a circa 200 kbps (circa quattro volte più velocemente di un modem dial-up della vecchia scuola).

Ci sono quattro pannelli solari che forniscono la principale fonte di energia per il veicolo spaziale una batteria secondaria nel caso in cui non ci sia il sole. In fondo, sensori stellari per dire al veicolo spaziale dove si trova.

E siccome ci vogliono tra 12 minuti a quasi mezz’ora per parlare con l’astronave alla base si saprà solo dopo 20 lunghissimi minuti, se la sonda è atterrata bene.

Mohsen Alawadhi, ingegnere, spiega che a un certo punto “L’astronave distoglierà lo sguardo da Marte e punterà i propulsori verso Marte, poi rallenterà. Se andremo troppo veloci o troppo lenti, falliremo. Se non atterreremo dove vogliamo, probabilmente ci schianteremo su Marte. Quindi è una missione davvero critica”. “L’atterraggio” su Marte, brucia circa metà del carburante.

  • La struttura della sonda è per lo più a nido d’ape in alluminio con fogli di carbone
  • Cablaggio: ci sono circa 4.200 singoli cavi sul veicolo spaziale
  • La sonda Hope avrà forma esagonale. La massa totale sarà di circa 1 500 kg, incluso il propellente, e misurerà 2,37 metri per 2,90 metri

Ecco il Link all’articolo:
Gli Emirati alla conquista del pianeta rosso


Controlli finali in corso prima del lancio della Sonda Hope il 15 luglio

Da: Emirates News Agency
Venerdì 03-07-2020 18:10 PM

TANEGASHIMA, 3 luglio 2020 (WAM) – I controlli finali e i test sulla Missione Hope Mars degli Emirati sono attualmente in corso, mentre si prepara per il suo lancio verso l’orbita del Pianeta Rosso.

È previsto il lancio mercoledì il 15 luglio 2020 alle 00:51:27 (ore degli Emirati Arabi Uniti) dal Centro Spaziale Tanegashima, TNSC, in Giappone. I controlli finali sono guidati da una squadra impressionante di giovani Emiratini.

Il team EMM comprende Ahmed Al Yammahi, Mahmood Al Awadhi, Mohammed Al Aemri, responsabili delle operazioni meccaniche incluso l’ascensore spaziale; Essa Al Mehairi, responsabile della carica della batteria e del monitoraggio dei veicoli spaziali; Yousuf Al Shehhi è stato incaricato della chiusura di MLI; Omar Al Shehhi responsabile del test di vitalità e monitoraggio dei veicoli spaziali; e Khalifa Al Mehairi che ha la responsabilità del monitoraggio dei veicoli spaziali.

La sonda è stata sottoposta ad una serie di test dal suo arrivo al centro di Tanegashima ad aprile. Questi test, che vengono effettuati per un periodo di 50 giorni lavorativi, comportano test funzionali dei sottosistemi di veicoli spaziali che includono energia elettrica, comunicazione, controllo dell’altitudine, comando e controllo, propulsione, controllo termico e sistemi software.

Il processo include anche il riempimento del serbatoio del carburante con circa 800 chilogrammi d’idrogeno e la garanzia che non vi siano perdite. Richiede anche spostare la sonda sulla piattaforma del lancio, installare la sonda sul razzo e assicurarsi che le batterie siano completamente cariche prima del decollo.

Dopo il rifornimento, il team della Missione Emirates Mars, EMM, assicurerà che l’isolamento multistrato, il MLI e i dispositivi di carica siano adeguatamente sigillati. Dopo, ci saranno le operazioni congiunte con Mitsubishi Heavy Industries, MHI, per alimentare il veicolo spaziale per il test di resistenza, confermare i preparativi e caricare le batterie del veicolo spaziale, nonché prepararlo per il decollo. Questa fase comprende tre test principali, tra cui ricarica della batteria, test di vitalità e monitoraggio dei veicoli spaziali.

È previsto il decollo della sonda Hope il 15 luglio 2020. La data di lancio prevista rappresenta l’avvio della finestra di lancio per la missione, che si estende al 3 agosto 2020 – al fine di garantire che la sonda raggiunga l’orbita desiderata nel più breve tempo e la minima energia possibili. Il processo di decollo comprenderà due fasi. La prima inizia con il propellente a combustibile solido che solleva il razzo dopo la separazione dalla piattaforma di lancio – questa parte si separa automaticamente dopo aver completato la sua missione. Ciò porta alla seconda fase fino al terzo stadio – che dura fino a quando la sonda raggiunge la sua orbita attorno a Marte. Il veicolo di lancio MHI H2A pesa 289 tonnellate ed è di 53 metri di lunghezza.

La piattaforma MHI H2A è stata scelta grazie alla sua comprovata esperienza e reputazione nella tecnologia spaziale in tutto il mondo e ai suoi alti tassi di successo nel lancio di veicoli spaziali e satelliti a livello globale. Da parte loro, gli Emirati Arabi Uniti hanno già collaborato con MHI per lanciare con successo il satellite Khalifa Sat. La sonda Hope dovrebbe entrare nell’orbita di Marte nel febbraio 2021, in coincidenza con le celebrazioni del Giubileo d’oro degli Emirati Arabi Uniti per celebrare la storica unione degli Emirati.

“L’inizio dei controlli e dei test finali sulla sonda Hope in linea con il nostro programma ribadisce il nostro impegno e il processo di pianificazione dettagliata per garantire il successo di questa missione. Siamo grati alla saggia leadership degli Emirati Arabi Uniti per il loro supporto senza sosta, gli sforzi incessanti e la dedizione del team che lavora al progetto per completare con successo questa missione”, ha affermato il dott. Ahmad bin Abdullah Humaid Belhoul Al Falasi, Ministro di Stato per l’Istruzione Superiore e le Competenze Avanzate e Presidente dell’Agenzia spaziale degli Emirati Arabi Uniti.

Ha detto che il team ha più volte superato le sfide per raggiungere i traguardi stabiliti. “Il raggiungimento del successo contro tutte le previsioni rispecchia la forte eredità e identità degli Emirati Arabi Uniti, quale ” l’Impossibile è possibile “, radicata nella cultura dei giovani uomini e donne di questo Paese”, ha aggiunto.

Il dott. Ahmad Belhoul ha ribadito che la sonda Hope rappresenta le ambizioni degli Emirati Arabi Uniti e il loro messaggio positivo di speranza nella regione e nel mondo. “Il messaggio principale è quello di lottare con passione e superare gli ostacoli per trovare soluzioni a beneficio dell’umanità in generale, il che esemplifica la visione della leadership degli Emirati Arabi Uniti. Siamo fiduciosi che la sonda Hope raggiungerà l’orbita di Marte nel febbraio 2021, in coincidenza con le celebrazioni del Giubileo d’oro degli Emirati Arabi Uniti” , ha detto.

Suhail AlDhafri, Vicedirettore del progetto della Missione Mars Emirates e capo del veicolo spaziale, ha dichiarato: “I controlli finali sono passi importanti per garantire che tutti i sistemi funzionino e soddisfino i requisiti prima del rifornimento. Ottenere questi parametri è fondamentale prima di preparare la sonda per il decollo”.

Un team emirati sta guidando l’operazione e supervisionando ogni aspetto della preparazione della sonda per il suo lancio. Il team comprende Omran Sharaf Al Hashemi, Direttore del Progetto Mars Mission Hope Probe degli EAU, Suhail Al Dhafari Al Muhairi, Vice Direttore di Progetto della Squadra di Sviluppo, Omar Al Shehhi, Leader della Squadra di Lancio, Mohsen Al-Awadhi, Risk Manager, Youssef Al -Shehhi, Ingegnere dei sistemi termici, Khalifa Al-Muhairi, Ingegnere dei sistemi di comunicazione, Issa Al-Muhairi, Ingegnere dei sistemi di alimentazione, Ahmed Al-Yamahi, Ingegnere dei sistemi meccanici, Ingegnere dei sistemi meccanici Mahmoud Al-Awadhi e Mohammed Al-Amri, Ingegnere di Sistemi di supporto a terra.

A seguito della pandemia di COVID-19, il team che lavora alla Missione è diviso in tre sotto-team – mettendo in considerazione le sfide relative ai trasporti, ai viaggi, alla logistica e all’adesione alle procedure sanitarie. Mentre il primo gruppo di membri del team ha raggiunto il Giappone il 6 aprile ed è stato sottoposto a quarantena obbligatoria e controlli sanitari, il secondo team è arrivato il 21 aprile.

La terza squadra è ancora negli Emirati Arabi Uniti e offre il supporto necessario alla Missione. Il trasporto della sonda Hope da Dubai al sito di lancio sull’isola di Tanegashima in Giappone è durato più di 83 ore e ha subito tre tappe principali.

WAM / Hazem Hussein

Ecco il Link all’articolo:
Final checks under way ahead of the Hope Probe’s launch on July 15

L’energia solare dallo spazio alla Terra con le microonde

Rappresentazione artistica di irradiazione di energia solare sotto forma di microonde verso installazioni militari e remote. Credito: US Naval Research Laboratory

L’esperimento sull’X37B del Naval Research Laboratory è sicuramente il precursore di una tecnologica da tempo in studio: cattura dell’energia solare fuori dal l’atmosfera con pannelli fotovoltaici geostazionari al massimo rendimento, conversione in microonde e trasmissione a Terra dove una “rectenna” (cioè una antenna munita di raddrizzatore) la trasforma direttamente in inerzia elettrica a corrente continua.

Rendimento attuale: 90%!

Ovviamente, dato l’origine del finanziamento, è ovvio che i risultati andranno a soddisfare quelle necessità militari di avere energia continua anche in posti dove altre fonti non possono arrivare.

Ma è evidente pure la ricaduta civile di questa tecnologia. Un satellite appositamente attrezzato può trasmettere centinaia di kw di potenza elettrica in un posto o in altro, anche distanti migliaia di km. semplicemente spostando l’orientamento dell’antenna.

La novità di questa notizia sta però nel fatto che è la prima volta che trapelano dettagli sulle missioni di questa navetta spaziale autonoma, questo Space Shuttle in miniatura che però è in grado di andarsene in orbita, lavorare per anni e poi tornare da solo quando ha finito.

Commento di Luigi Borghi.

Eccovi l’articolo tratto da spacenews.

L’esperimento dello “spazioplano” militare fa luce sui satelliti solari spaziali

di Leonard David – 4 luglio 2020

Un esperimento lanciato il 17 maggio a bordo dell’X-37B Orbital Test Vehicle-6 della US Air Force si basa su oltre un decennio di lavoro incentrato su un satellite solare spaziale modulare in grado di irradiare energia sulla Terra.

Sviluppato dal US Naval Research Laboratory (NRL) a Washington, l’hardware è chiamato Modulo fotovoltaico per radiofrequenze o, in breve, PRAM.

La PRAM è uno sviluppo del NRL nello sviluppo di moduli “sandwich” in cui un lato riceve energia solare con un pannello fotovoltaico, l’elettronica nel mezzo converte la corrente diretta in microonde e l’altro lato ha un’antenna per trasmettere l’energia a terra.

Il modulo fotovoltaico per antenna a radiofrequenza (PRAM) è un esperimento a bordo dello spazioplano X-37B dell’esercito americano, mostrato qui nel 2017. Credit: U.S. Air Force

Paul Jaffe dell’NRL, responsabile dell’innovazione Power Beaming e Space Solar Portfolio, ha affermato che la PRAM a bordo dell’X-37B non sta stabilendo un vero e proprio collegamento di potenza. Piuttosto, il modulo da 30 centimetri è dedicato alla valutazione della sua capacità di conversione energetica e delle prestazioni termiche del dispositivo in orbita terrestre. Mentre la PRAM genera energia RF, quell’energia non arriva a un’antenna a causa del potenziale di interferenza con altri carichi utili a bordo dell’X-37B, ha detto a SpaceNews.

Consegna dei dati

“Stiamo testando un componente funzionale che farebbe parte di una classe di satelliti ad energia solare che alla fine invierebbe energia dallo spazio alla Terra”, ha detto Jaffe, il principale investigatore della PRAM. “Prevediamo di pubblicare qualcosa tra diversi mesi una volta recuperati alcuni dati e avremo la possibilità di analizzarli”.

Ci saranno consegne regolari di dati dal veicolo che ospita la PRAM, ha affermato Chris DePuma, ingegnere elettronico NRL e responsabile del programma PRAM. “Il vantaggio della loro piattaforma [X-37B] è che non dobbiamo creare il nostro sistema di comunicazione. Raccolgono i nostri dati in un pacchetto che possiamo analizzare.”

Dati i risultati della PRAM, un passo successivo sarebbe la fabbricazione di un sistema completamente funzionale su un veicolo spaziale dedicato per testare la trasmissione di energia sulla Terra che potrebbe potenzialmente aiutare a alimentare installazioni remote come basi operative dirette e aree di risposta alle catastrofi.

Gettare le basi

In un rapporto di ottobre, “Opportunità e sfide per Space Solar per installazioni remote”, un gruppo di studio NRL ha esplorato il concetto di fornire energia a installazioni militari e remote tramite energia solare. Lo studio ha stabilito che permangono significative sfide tecnologiche, economiche, legali, politiche, operative, organizzative e programmatiche irrisolte inerenti allo sviluppo di una capacità solare spaziale dispiegabile.

Tuttavia, a causa della potenziale natura rivoluzionaria dell’energia solare spaziale per le applicazioni terrestri, il team di studio ha raccomandato investimenti in diverse aree critiche, la principale delle quali era la tecnologia del fascio di energia.

L’hardware PRAM è il primo esperimento orbitale progettato per convertire la luce solare per la trasmissione di energia a microonde per i satelliti ad energia solare. Credito: US Naval Research Laboratory
Jaffe ha affermato che permangono questioni aperte con la tecnologia del power beaming e il suo livello di maturità, da cui l’esperimento X-37B. La PRAM è vista come il primo esperimento orbitale progettato per convertire la luce solare per la trasmissione di energia a microonde per i satelliti ad energia solare.

“Puoi certamente fare valere per i satelliti ad energia solare in molte circostanze in cui sarebbe preferibile un collegamento laser, non un collegamento a microonde”, ha detto Jaffe. “Un’applicazione sta ottenendo energia nelle regioni permanentemente in ombra della luna”, ha detto, dove ci si aspetta che l’acqua ghiacciata possa essere trasformata in quantità potabile per sostenere gli equipaggi, oltre a spezzare quella risorsa in componenti del combustibile per missili.

DePuma dell’NRL ha affermato che l’obiettivo principale dell’esperimento PRAM sull’X-37B è gettare le basi per dimostrare che il concetto funziona e non mancano problemi importanti.

“Il motivo dietro l’architettura del modulo sandwich è di modulare il sistema satellitare spaziale solare. È possibile inviare alcuni componenti alla volta e assemblarli in orbita. Si costruisce una struttura molto grande con più piccoli lanci”, ha detto DePuma. “È un buon modo per avvicinarsi ai sistemi più grandi.

Link all’articolo 

L’accesso allo spazio costa sempre meno

Il sistema di lancio in orbita di Virgin Orbit durante un precedente test (sub orbitale) Credits: Virgin Orbit.

Un parametro, quello dei costi, sta scendendo velocemente.

Merito della concorrenza, delle nuove tecnologie e diciamolo pure anche di SpaceX che ha inaugurato il recupero del primo stadio di un lancio orbitale.

La precisazione è necessaria perché in effetti il primo a tentare con successo questa procedura fu Jeff Bazos della Blue Origin che però lo aveva applicato a voli suborbitali.
Un po’ più facile …

Ora ci prova la Virgin che porta avanti la su tecnica, applicata ai voli commerciali suborbitali ma che ora tenta il salto con i piccoli satelliti in orbita bassa.

Ma non è finita! Vi sono altre aziende americane in coda per questo tipo di approccio.

Ne vederemo delle belle.

In questo primo piano si vede con precisione il meccanismo di aggancio del razzo Launcher One. Credits: Virgin Orbit

Commento di Luigi Borghi

Eccovi il link all’articolo:

https://www.astrospace.it/2020/05/25/virgin-orbit-per-la-prima-volta-in-orbita-con-un-sistema-tutto-nuovo/amp/

Gli astronauti di Artemis saranno pedoni!

Si, proprio così! Appiedati! Almeno nelle prime missioni.
Ci si sarebbe aspettato che con una capsula come la Orion riprogettata con tecnologia attuale, anche il rover lunare subisse la stessa ingegnerizzazione. Invece no! Gireranno a piedi con tute molto più comode e con maggior autonomia che gli permetteranno di passeggiare per 16 km anziché il solo km delle tute di Buzz e Neil di Apollo 11. Anche l’ambiente polare della prima missione di Artemis sarà molto più “duro” rispetto all’equatore del progetto Apollo. La scelta del polo sud è legata alla ricerca di acqua ghiacciata dentro ai crateri mai esposti alla luce del Sole. Un elemento indispensabile per andare avanti con la programmata base lunare. Senza acqua, niente cibo, niente carburante per i razzi di ritorno: fine dei giochi. Ma l’acqua c’è, questo già si sa. L’articolo che vi propongo comunque mette il dito su una piaga, perché anch’io mi sarei aspettato una bella automobile elettrica, nuova di zecca, targata ‘Luna 5’ magari prodotta da Tesla!
Eccovi l’articolo tratto da Space.com.

Commento di Luigi Borghi.

Non aspettarti che i primi astronauti della NASA viaggino sulla luna in un’elegante macchina lunare

di Meghan Bartels

Rappresentazione di un artista di astronauti che camminano sulla luna come parte del programma Artemis della NASA.
(Immagine: © NASA)

L’anno scorso, la NASA si è prefissata un obiettivo ambizioso : inviare gli astronauti a camminare sulla luna nel 2024. Ora, l’agenzia è impegnata a pianificare cosa faranno gli astronauti durante quelle escursioni.

La NASA non ha fatto sbarcare umani in un altro mondo da quasi 50 anni, non dalla missione Apollo 17 sulla luna del 1972. Ma questo è l’obiettivo dell’agenzia per il suo programma Artemis . Quindi, l’agenzia sta combinando quell’esperienza Apollo con ciò che ha appreso durante decenni di vita e di lavoro sulla Stazione Spaziale Internazionale, e cospargendo alcune sfide che vuole affrontare in preparazione della prossima pietra miliare dell’esplorazione, una missione umana su Marte.

La scienza non è il fattore limitante, ovviamente: gli scienziati hanno avuto il desiderio di tornare sulla superficie della luna per secoli. Ma le discussioni intorno al programma Artemis hanno teso a focalizzarsi sulle sfide che devono essere affrontate prima del primo atterraggio con equipaggio nel 2024 o sulla visione a lungo termine dell’agenzia per la luna, piuttosto che sui dettagli pratici di sfruttare le prime opportunità di moonwalk .

In una serie di presentazioni fatte il mese scorso, il personale della NASA ha descritto alcuni dettagli della visione dell’agenzia per una nuova era di passeggiate sulla luna. In particolare, i rappresentanti hanno offerto un’idea di come le attività extraveicolari, o EVA, durante la prima missione terrestre , Artemis 3 nel 2024, potessero svolgersi.

In primo luogo, le basi: durante la missione, due astronauti trascorreranno fino a circa 6,5 ​​giorni sulla superficie lunare, ha detto Lindsay Aitchison, un ingegnere di tuta spaziale alla NASA, durante il Lunar Surface Science Virtual Workshop tenutosi il 28 maggio.

È quasi il doppio della durata del più lungo soggiorno di astronauti durante le missioni Apollo . Durante quel soggiorno, gli astronauti effettueranno circa quattro attività extraveicolari, ciascuna delle quali potrebbe durare circa sei ore, ha detto Aitchison, in linea con la durata delle escursioni tipiche al di fuori della Stazione Spaziale Internazionale. Durante la prima missione di atterraggio con equipaggio, gli astronauti dovranno usare i propri piedi per aggirare la superficie lunare. 

La NASA non si aspetta di avere un grande rover in superficie e pronto ad aiutare l’esplorazione fino al secondo atterraggio al più presto. “Saremo limitati al solo equipaggio e fino a che punto potranno camminare con i propri piedi”, ha detto Aitchison. “Questa è ancora una distanza abbastanza ampia, ma è un po ‘limitata fino a quando non si arriva alle ulteriori fasi di esplorazione.”

Dato questo vincolo, ha detto Aitchison, la NASA ha calcolato che durante ogni EVA, l’equipaggio dovrebbe essere in grado di coprire circa 10 miglia (16 km) di andata e ritorno. (Per fare un confronto, durante la loro unica escursione lunare su Apollo 11 , Neil Armstrong e Buzz Aldrin percorsero circa 3.300 piedi, o 1 km, in 2,5 ore.)

Le esplorazioni degli astronauti saranno anche limitate in termini di dove le loro tute possono tenerli al sicuro. Le missioni Apollo sono approdate tutte nella regione equatoriale della luna, ma le missioni Artemis andranno in un posto completamente nuovo, la regione del polo sud , dove temperature estremamente fredde possono creare problemi alle tute spaziali.

Questa è una decisione calcolata da parte della NASA. Il polo sud è allettante perché gli scienziati hanno confermato che il ghiaccio d’acqua si nasconde sotto la superficie della luna in crateri meridionali profondi che non vedono mai la luce solare diretta. Gli aspiranti esploratori sperano che tale ghiaccio possa essere estratto e trasformato in acqua potabile o combustibile per missili, facilitando missioni più ambiziose.

Ma le stesse condizioni che favorirebbero tale ghiaccio renderebbero difficile l’esplorazione diretta da parte degli astronauti. Le tute spaziali della prima missione atterrata non saranno in grado di resistere a temperature così fredde, ha confermato Jake Bleacher, geologo e capo esploratore della NASA, durante lo stesso incontro. Anche nelle missioni successive, gli astronauti potrebbero aver ancora bisogno di rimanere in aree più calde e illuminate dal sole e lasciare il lavoro diretto nelle regioni permanentemente ombreggiate agli assistenti robotici.

La prima tuta spaziale Artemis sarà un modello chiamato Exploration Extravehicular Mobility Unit , o xEMU, che si basa sulle tute EMU attualmente utilizzate dagli astronauti durante le passeggiate spaziali sulla Stazione Spaziale Internazionale, incorporando alcune lezioni specifiche sulla luna del programma Apollo.

“Qui testeremo le tecnologie, utilizzeremo le lezioni apprese dall’UEM e ovviamente da Apollo, per arrivare al 2024”, ha dichiarato Natalie Mary, ingegnere di sistemi EVA presso il Johnson Space Center della NASA a Houston, durante un comitato su Incontro di ricerca spaziale tenutosi virtualmente il 20 maggio incentrato sulle missioni umane su Marte. “Abbiamo alcune cose che stiamo trattenendo [on] per [esplorazione] lunare sostenuta.”

In particolare, durante tutto il processo di progettazione di xEMU, gli ingegneri delle tute spaziali si sono concentrati sull’adattamento e sulla mobilità al fine di facilitare l’esplorazione. A differenza delle tute Apollo e della stazione spaziale, le tute xEMU enfatizzano il movimento della parte inferiore del corpo, pensato per garantire che gli astronauti possano camminare sulla superficie con relativa facilità.

Tuttavia, la xEMU sarà una tecnologia in evoluzione e la NASA ha già in programma di apportare alcune modifiche per supportare soggiorni lunari più lunghi per le successive missioni Artemis, tra cui rafforzare la protezione della tuta contro la polvere di luna viziosa. Le suite successive potrebbero anche essere programmate per verificare le loro condizioni, piuttosto che richiedere tempo prezioso all’astronauta per un’ispezione dettagliata per garantire la sicurezza.

Uno dei componenti dell’xEMU che la NASA sta analizzando più attentamente sono i guanti , Tamra George, uno specialista di strumenti presso il Johnson Space Center, ha dichiarato durante il Lunar Surface Science Virtual Workshop.

“Una delle più grandi cose che limita i nostri progetti di strumenti e strumenti EVA è la mano guantata”, ha detto George.

I guanti da completo devono percorrere un equilibrio difficile, ha detto George, poiché devono essere flessibili per facilitare le attività degli astronauti ma anche abbastanza duri da mantenere gli astronauti isolati dal duro ambiente lunare. E tra la maggior parte dei guanti stessi e la pressione della tuta, il lavoro manuale nello spazio può essere sia difficile che drenante.

E, naturalmente, la mancanza di trasporto sulla superficie lunare influenza il tipo di strumenti che gli astronauti possono portare sulle passerelle lunari proprio come limita il terreno che possono coprire. Poiché gli astronauti della missione Artemis 3 dovranno portare da soli i loro kit di strumenti, equipaggiamento pesante o voluminoso non sarà un’opzione fino alle missioni successive.

Quei vincoli, oltre all’esperienza sulla luna di miele durante l’era dell’Apollo, hanno portato la NASA a stabilirsi su un set iniziale di otto strumenti scientifici di base per gli astronauti per portare queste escursioni, ha detto Adam Naids, un ingegnere di sviluppo hardware presso il Johnson Space Center, durante lo stesso incontro . Tali strumenti includono punti di geologia come un martello, un rastrello, una paletta e una pinza.

Naturalmente, la missione Artemis 3 è ancora a più di quattro anni di distanza, quindi la NASA è ancora all’inizio del processo di pianificazione di ogni aspetto delle sue passeggiate spaziali.

“L’idea qui era solo per iniziare a sviluppare alcuni degli strumenti che avevano un’alta probabilità di volare in base a ciò che è stato fatto in Apollo”, ha detto Naids. “Questo non è pensato per essere un elenco all-inclusive. Ci saranno dozzine e dozzine di altri strumenti e attrezzature che verranno realizzati, ma ci ha dato il via”.

Link all’articolo